Stadio di Frosinone, una vera “fossa dei Leoni”

Stadio "Benito Stirpe" in costruzione

Il “Benito Stirpe”, il nuovo stadio di Frosinone, prende forma. La posa del manto erboso rende l’idea di come potrà essere. L’effetto, stando al centro del rettangolo di gioco, è impressionante perché effettivamente, nonostante non sia ancora completa la congiunzione tra curve e tribune, si ha l’impressione di stare in una fossa, con il pubblico sopra le spalle. Il proverbiale “effetto Matusa”, insomma, quello che più di un protagonista ha descritto come un moltiplicatore del pubblico (sono diecimila ma sembrano quattro volte tanto) anche allo Stirpe farà la sua parte, forse ancora amplificata dalle coperture. Il mando erboso, ci hanno detto, sarà completo in una decina di giorni e, contemporaneamente, vanno avanti gli altri lavori: quelli della costruzione dei cosiddetti “formaggini”, cioè gli angoli e subito dopo le coperture, delle quali sono già visibili i supporti appoggiati dietro la tribuna centrale. Il “Benito Stirpe” sarà, nei fatti, la fossa dei Leoni.