Isola del Liri. Legge bilancio 2017, iniziativa del Partito Democratico

Molto partecipata da amministratori, dirigenti, iscritti e cittadini e ricca di contenuti l’iniziativa politica svoltasi a Isola del Liri, organizzata dalla Federazione Provinciale del PD, sull’ultima Legge di Bilancio 2017, recentemente approvata. Dopo i saluti e le considerazioni di Angelo Caringi, vice sindaco della città, di Ilaria Pantano, segretario cittadino del PD, di Antonio Pompeo Presidente dell’Amm.ne provinciale e di Simone Costanzo Segretario Provinciale PD si è entrati nel merito della manovra con l’introduzione tecnica e politica della coordinatrice Antonella Di Pucchio con l’On. Nazareno Pilozzi e con la Sen. Maria Spilabotte che hanno lavorato in aula alle misure previste con merito e competenza, pur fra le mille criticità del momento storico ed economico. Si è invertita la spirale dei tagli indiscriminati nei confronti degli enti locali, garantendo loro servizi e stabilità economica per meglio affrontare le questioni più vicine ai cittadini amministrati. Si propone una visione del futuro e della competitività con le ottime misure del pacchetto Industria 4.0 ( super e iper ammortamenti per investimenti, garanzie pubbliche per assicurare credito alle piccole e medie imprese, fondi per le imprese per penetrare sui mercati esteri, fondi per la ricerca, taglio dell’Ires, riduzione delle tasse sulla produttività ), affrontando le questioni critiche del presente, come la ricostruzione dei danni del terremoto, la prevenzione sismica, la messa in sicurezza di case e scuola e le opere di prevenzione del dissesto idrogeologico, con investimenti importanti e agevolazioni fiscali. Parliamo di una legge che può significare un vero passo in avanti per il nostro paese e pensiamo, inoltre agli investimenti su strade, porti, ferrovie, aeroporti nonché ai 120 progetti di riqualificazione urbana delle periferie per svariati miliardi di euro e a una tassazione che inizia a scendere in diversi settori. Ma non solo competitività, troviamo per il sociale ad esempio, che il fondo per la non autosufficienza da 0 milioni nel 2012 sale a 450 milioni nel 2017 con 70 milioni in più per l’assistenza ai disabili e fondi aggiuntivi per le pari opportunità, per le politiche per la famiglia, nonché fondi importanti per la scuola, l’università, la ricerca e per la cultura, con i 60 milioni in più per la “ tax credit cinema “ che tanto successo e sviluppo sta portando in questo mondo come occupati e come fatturato. Finalmente ci sono i fondi per lo sblocco dei contratti del pubblico impiego e per nuove assunzioni nel comparto sicurezza con una spending review significativa su beni e servizi e sui tagli ai ministeri. Si va a prevedere anche norme di fiscalità di vantaggio e la 14 mensilità per i pensionati con redditi bassi e si riconosce maggiore flessibilità in uscita per coloro che vogliono andarci. Encomiabile la prima misura strutturale sulla povertà che avrà carattere universale, sarà condizionata alla prova dei mezzi e a un progetto personalizzato che garantisca la piena partecipazione dei destinatari, garantendo percorsi di inclusione attiva. Sarà rivolta prioritariamente ai nuclei familiari con figli minori o in condizione di disabilità grave o in cui siano presenti donne in stato di gravidanza, e ai soggetti disoccupati con più di 55 anni: l’obiettivo è la lotta alla povertà assoluta. E’ stata sottolineata altresì l’importanza della Legge Sul Dopo Di Noi con i primi significativi stanziamenti per dare certezze alle tante famiglie che si interrogavano con ansia sul futuro dei propri familiari affetti da disabilità.

CONDIVIDI