La polizia passa a setaccio i locali del capoluogo

Gli esercizi pubblici del capoluogo, nella serata di ieri, sono stati interessati  da controlli amministrativi, con un servizio congiunto della Divisione Polizia Amministrativa della Questura, delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine “Lazio”, dell’Ispettorato del Lavoro di Frosinone e della Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE).

Gli “specialisti” della Polizia di Stato, in particolare, hanno verificato la regolarità delle licenze, delle relative tabelle esposte, l’utilizzo degli apparecchi elettronici di intrattenimento da parte di minori, nonché il regolare possesso dei prescritti titoli autorizzativi, identificando anche 74 avventori dei locali della “movida”.

Personale dell’Ispettorato del Lavoro ha, invece, esaminato la documentazione di proprio competenza, constatando, con emissione della relativa sanzione, un caso di “lavoro nero”.

I funzionari della  SIAE, ente preposto alla protezione ed all’esercizio dell’intermediazione dei diritti d’autore,   hanno provveduto a contravvenzionare il titolare di un locale, con evento musicale in programmazione, per mancato pagamento dell’abbonamento annuale per musica d’ambiente.

 

 

 

CONDIVIDI