Rapina alla gioielleria di Tecchiena, notificati gli arresti ai tre banditi

Il materiale utilizzato dai rapinatori per il colpo

Il Reparto Operativo – Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, ha dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Frosinone, nei confronti dei tre malviventi che, lo scorso 16 Marzo, avevano provato a rapinare la gioielleria Pina di Tecchiena. Il provvedimento cautelare emesso dal G.I.P. conferma le responsabilità a carico dei tre. Nella misura cautelare, infatti, vengono evidenziati e valorizzati ulteriormente tutti gli elementi acquisiti dalla polizia giudiziaria dopo il fermo di quattro giorni fa. Anche per il terzo complice, G. F., originario di Patrica cl. 77, tratto in arresto in flagranza di reato unitamente agli altri due, il G.I.P. ha condiviso gli esiti investigativi prodotti nel verbale di arresto, tanto da riconoscere a suo carico la piena responsabilità non solo per i fatti del 16 marzo, ma anche per la tentata rapina del 9 marzo, quando, il colpo non fu portato a segno solo perché durante il tragitto di avvicinamento all’obiettivo gli autori ebbero un incidente stradale e furono costretti ad abbandonare le due autovetture rubate che in quella occasione si erano procurati.

CONDIVIDI