Anagni. Al via il progetto “borsa sportiva”

Al via la riapertura dei termini per la presentazione delle domande per l’assegnazione del beneficio economico denominato “Borsa Sportiva” per la stagione sportiva 2017/2018. Lo annuncia l’assessore ai Servizi Sociali e Sport del Comune di Anagni, Alessandra Cecilia, che spiega: ”L’intento di questa deliberazione di Giunta è quello di dare sostegno alla pratica sportiva dilettantistica, organizzata nel territorio comunale da Associazioni Sportive aventi sede legale nel Comune di Anagni, in favore dei minori appartenenti a nuclei familiari con situazione socio-economica disagiata, anche stabilendo la modifica dei requisiti di accesso al beneficio. Questo proprio per ampliare la platea dei minori che possono praticare una disciplina sportiva, al fine di favorire il benessere della persona, la prevenzione delle malattie e la riduzione delle cause di divario sociale”. Per il progetto “Borsa Sportiva” il Comune di Anagni ha stanziato la somma complessiva di 6 mila euro da spartire, fino ad esaurimento della stessa, tra i beneficiari. L’assegnazione della “Borsa Sportiva “ è riservata ai minori di età compresa tra i 6 e i 12 anni compiuti appartenenti ad un nucleo familiare, anche monogenitoriale. Possono presentare domanda di ammissione i genitori o tutori dei minori conviventi che alla data di presentazione della domanda siano in possesso dei seguenti requisiti previsti (un I.S.E.E. riferito all’anno 2017 non superiore a 8 mila euro; la residenza nel Comune di Anagni; età del minore non inferiore a 6 e non superiore a 12 anni).

“È un progetto nel quale crediamo molto –  aggiunge l’assessore Cecilia –  perché consente di favorire, attraverso lo sport, l’integrazione, l’aggregazione sociale, agevolando in qualche modo anche le famiglie con difficoltà. Lo sport è un momento importante nella formazione del minore: pertanto abbiamo ritenuto valido studiare una formula che supporti chi ha oggettivamente difficoltà, e purtroppo non si tratta di pochi, a consentire ai propri figli di poter vivere momenti salutari e di aggregazione sociale.
Nell’ottica di una politica di rilancio e di impegno nel settore del sociale – conclude l’assessore – siamo intenzionati a venire incontro alle esigenze della cittadinanza studiando tutte le forme di supporto consentite, soprattutto se si tratta di giovani”.

CONDIVIDI