Roccasecca. Discarica, Fontana (m5s): “la Regione riveda il procedimento”

“La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha ricevuto oggi i sindaci del territorio, Provincia, Regione e MIBAC al fine di risolvere il contenzioso legato all’ampliamento della discarica di Roccasecca(FR). La legge 241/90 prevede infatti la possibilità da parte delle amministrazioni, qualora abbiano espresso parere inequivocabilmente contrario nella conferenza dei servizi di un determinato procedimento, di ricorrere alla Presidenza per opporsi all’autorizazzione espressa. L’incontro odierno però non ha trovato la volontà della Regione di rivedere la valutazione ambientale positiva espressa nelle scorse settimane, scaricando le proprie responsabilità sul Consiglio dei Ministri che sarà chiamato ad esprimersi sulla vicenda nei prossimi giorni. Intendo di rivedere la valutazione ambientale quindi conoscere quali siano le motivazioni che spingono la Regione a tenere in piedi un progetto così rischioso, a fronte degli aspri rilievi espressi da ASL in merito agli effetti sulla salute dei residenti e del parere negativo espresso dal Ministero dei Beni Culturali: non è infatti una novità che in materia di discariche nel Lazio sia spesso stato necessario porre in atto interventi di bonifica, o indagini che hanno poi portato allo stop dei conferimenti. Ritengo che dopo i casi tristemente noti di Malagrotta a Roma, Borgo Montello a Latina, Via le Lame a Frosinone, Cupinoro a Bracciano e Inviolata a Guidonia sia decisamente arrivato il momento per dire basta ad ulteriori scempi contro l’ambiente e auspico che la Regione riveda le linee programmatiche per il piano rifiuti appena presentate e smetta di pianificare un futuro disseminato di discariche”, così, in una nota, la deputata 5 stelle Ilaria Fontana.

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI