Anagni: Depuratore, il Movimento 5 Stelle denuncia tempi lunghi per l’attivazione dell’impianto

Ilaria Fontana, portavoce alla Camera e capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Commissione Ambiente, Lavori pubblici e Territorio ha presentato un Question Time sullo stato del depuratore di Anagni e del suo crono-programma, impianto che rientra nelle due procedure d’infrazione UE 2014/2059 e 2017/2181 per mancata depurazione delle acque reflue.

Questo perchè, scrive il Meetup 5 Stelle di Anagni, “la data prestabilita per il collaudo operativo e la messa in funzione del depuratore sono state superate senza alcun esito, e la risposta del sottosegretario Salvatore Micillo per conto del Ministero dell’Ambiente ha rivelato la reale situazione”.

Quindi, i pentastellati riportano la risposta di Micillo: “Alla luce delle informazioni esposte, nel caso vi sia la chiusura dell’iter autorizzativo con esito positivo per entrambi gli impianti in tempi brevi, considerando altresì il necessario iter di aggiudicazione, nonché la fase successiva di progettazione esecutiva e realizzazione degli interventi, il raggiungimento della conformità per l’agglomerato di Anagni dovrebbe essere previsto per la fine del mese di dicembre 2021”.

“Queste parole sono chiare ed incontrovertibili – afferma il Meetup anagnino – Non crediamo sia necessario ricordare l’importanza della messa in funzione di questo depuratore in un territorio fortemente inquinato. Sono argomenti che ripetiamo ormai da anni e a tale proposito abbiamo sollevato interrogativi di cui andremo a chiedere conto presto nelle sedi opportune”. Intanto i pentastellati della Città dei Papi ringraziano la capogruppo della Commissione Ambiente, Ilaria Fontana, per l’impegno e l’attenzione “verso una nefasta condizione generata dall’indifferenza politica e da proclami irresponsabili”.