Cassino. Al via la IV edizione del Premio Pino e Amilcare Mattei

È partita ufficialmente questa mattina, giovedì 17 gennaio, nell’istituto “Varrone” di Cassino la quarta edizione del Premio Pino e Amilcare Mattei all’interno degli istituti superiori del territorio. Il progetto, creato dal Cosilam in collaborazione con numerosi partners (Comune di Coreno Ausonio, Comune di Castelforte, Unindustria Cassino, Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Banca di Credito Cooperativo dell’Agro Pontino, Cooperativa Cavatori Coreno, Gruppo Ecoliri, Gruppo Marmi Zola e Gruppo AutoEuropa) ha come obiettivo principale quello di avvicinare le nuove generazioni a una eccellenza del territorio: il Distretto del Marmo di Coreno Ausonio.

“Il bacino marmifero di Coreno Ausonio è uno dei distretti industriali più importanti del centro Italia – ha affermato il Presidente del Cosilam on. Mario Abbruzzese – Per questo motivo è importante promuovere questa straordinaria eccellenza che abbiamo nel nostro territorio. E l’obiettivo del concorso, che il Cosilam insieme ai partners hanno promosso anche per questa edizione, si prefigge è proprio questo: far conoscere una realtà industriale di primo piano. Gli incontri che stiamo portando avanti nelle scuole e che interesseranno diversi istituti del Lazio meridionale mirano proprio a questo. E la risposta che stiamo avendo è particolarmente significativa con i ragazzi che mostrano interesse nello scoprire le tecniche di estrazione, lavorazione e commercializzazione del nostro pregiato marmo. Una materia prima che ci viene richiesta dagli Stati Uniti al Canada fino alla Russia e che ha una grande vocazione all’export internazionale. Proprio per questo il Consorzio ha puntato a trasformare il Distretto in una realtà ecosostenibile e al passo con i tempi. In tal senso è stato elaborato il progetto dell’Apea (Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata) nell’ottica di una economia circolare con la finalità di creare una simbiosi industriale tra le imprese aderenti che permetta di recuperare gli scarti di produzione riutilizzandoli tendendo al cosiddetto “rifiuti zero”. In questo modo si genererà una economia green dell’intero distretto”.

E saranno proprio i ragazzi i protagonisti di questa seconda fase del Premio Mattei. Gli studenti dovranno presentare delle proposte progettuali che abbiano come tema centrale proprio il marmo. Tutti i lavori saranno poi giudicati alla commissione di valutazione che ne decreterà i vincitori assegnando i tre premi in palio.

Cinzia Cerroni