Frosinone. Due progetti per divulgare la cultura della sicurezza

Il 21 dicembre scorso, presso la sede del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, è stato firmato il protocollo d’intesa tra il Comando Provinciale dei vigili del fuoco e l’Ufficio scolastico provinciale, con l’obiettivo di divulgare la cultura della sicurezza e la prevenzione degli incendi agli studenti delle scuole della provincia. Il Comandante provinciale – Ing. Fabio Cuzzocrea – ed il Vicario dell’Ufficio scolastico – Dott. Pierino Malandrucco – hanno siglato il protocollo, questo è articolato su due progetti distinti: il primo, denominato progetto” Sicurezza a Scuola” è rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie, mentre il secondo, denominato progetto “Sicurezza Infanzia” sarà rivolto agli studenti più piccoli della scuola dell’infanzia. Il progetto “Sicurezza a Scuola” si svolgerà direttamente presso le sedi delle scuole, dove verranno tenuti degli incontri informativi dal personale dei vigili del fuoco che illustrerà agli studenti i compiti istituzionali del Corpo Nazionale, i rischi a cui gli studenti sono esposti in ambito domestico e scolastico ed i comportamenti da tenere per prevenire gli incidenti e gestire le emergenze. Il progetto “Sicurezza Infanzia” si svolgerà, invece, presso la sede centrale del Comando, i bambini verranno accompagnati dagli insegnanti presso la sede centrale di Frosinone ed i vigili del fuoco li guideranno all’interno della caserma; durante gli incontri verranno mostrati i mezzi e le attrezzature in dotazione ed anche ai più piccoli verranno illustrati i giusti comportamenti da tenere in situazioni di pericolo. Il Comando provinciale e l’Ufficio scolastico hanno fortemente voluto questo progetto, con lo scopo di insegnare ai bambini ed ai ragazzi i principi della sicurezza che li accompagneranno nel loro percorso di crescita. I Sigg.ri Dirigenti scolastici potranno presentare le richieste degli incontri direttamente alla segreteria del Comando dei vigili del fuoco, secondo le procedure stabilite dall’Ufficio scolastico provinciale.

Cinzia Cerroni