Frosinone – Folla alla Notte Bianca, cambia l’isola pedonale al centro storico

Folla in via Moro per la Notte Bianca

Frosinone – Migliaia di persone, stimate in oltre 22.000, sabato sera hanno affollato le strade e le location che hanno ospitato la Notte Bianca che si è conclusa alle prime ore dell’alba di domenica. Il sindaco, Nicola Ottaviani, ha voluto coinvolgere nella manifestazione gli istituti e le associazioni che sono maggiormente impegnati nella promozione della cultura e dell’arte all’interno del territorio comunale, per far vivere la città a residenti e visitatori in modo diverso: l’intento si è tradotto in un cartellone in cui l’offerta di musica, cultura, aggregazione, divertimento e shopping si è rivelata vincente e graditissima dai numerosi partecipanti.

Realizzata con i commercianti delle aree interessate, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti e il Conservatorio “Refice” di Frosinone, con l’Iis Bragaglia e il supporto di Coldiretti, la Notte ha visto susseguirsi performance artistiche, installazioni, concerti, visite guidate (come quella al Campanile a cura della Pro Loco, che ha richiamato centinaia di persone che hanno atteso, pazientemente, in fila, il proprio turno per ammirare il capoluogo dall’alto), dj set, sfilate, proiezioni cinematografiche a prezzo ridotto (al cinema Nestor), mostre fotografiche, pittoriche e di auto d’epoca, laboratori, menu speciali e karaoke, animazione per bambini, artisti di strada, musica itinerante e la speciale caccia al tesoro ideata dal Ced comunale. Successo anche per gli eventi organizzati all’interno del museo comunale (rivolti in particolare ai più piccoli) e della biblioteca “Turriziani” in cui è stato effettuato, positivamente, l’esperimento delle letture musicali. Grande partecipazione anche per le tante iniziative, tra sport e sonorità tutte da ballare, nel Parco Matusa, per teenager, ventenni e trentenni, mentre i più piccoli hanno gradito, in modo particolare, la giostra  in piazzale Vittorio Veneto con annessi spettacoli dei clown. Famiglie, anziani, bambini, giovani, hanno vissuto la città in modo diverso dal solito, grazie a un’opportunità di condivisione e aggregazione che ha attirato visitatori da tutta la provincia.

“Organizzare un evento del genere, senza spendere enormi risorse finanziarie – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – si è dimostrata un’ulteriore prova di grande collaborazione da parte degli operatori coinvolti, sia pubblici che privati. Dobbiamo inoltre ringraziare l’apporto umano e professionale di addetti e volontari, dalla Protezione civile, alla Croce Rossa, alla Polizia municipale, ai vigili del fuoco, all’Anfi e all’Anb e a tutte le Forze dell’Ordine che hanno assicurato la tranquillità della kermesse, e gli uffici comunali (Cultura, Commercio, Governance, Ced, con il coordinamento dell’ufficio di Gabinetto). Con questa formula andata in scena sabato abbiamo sperimentato, inoltre, anche la possibilità di mettere a frutto le grandi potenzialità dell’offerta culturale presente sul capoluogo, dimostrando come cultura, spettacolo, commercio possano costituire un’attrazione positiva per l’intero territorio”.

Dopo la Notte Bianca, che oggettivamente ha visto una sostanziosa differenza tra la partecipazione nella parte bassa della città (enorme folla) e quella alta, cambierà dal mese prossimo anche la programmazione dell’isola pedonale. Resta ogni week-end in via Moro mentre nella aprte alta della città un solo sabato al mese e tutte le domeniche con la promessa dei commercianti di restare aperti.

 

 

Cinzia Cerroni