Fontana Liri, adesione all’area wilderness

Fontana Liri è 18° Comune della Provincia di Frosinone ad aver deliberato un’Area Wilderness, la 67° in Italia. A sottoscrivere l’impegno è stata l’amministrazione comunale che ha avuto anche il sostegno della minoranza. Un impegno di salvaguardia per alcuni settori del proprio territorio comunale rimasti ancora integri, suggestivi e meritevoli di essere preservati ma anche quali attrattori per un turismo ecologico di qualità. Le zone sono l’Area Wilderness Gola del Rio Arimucci e la Zona di Tutela Ambientale Fossa del Monte. La prima estesa su 75 ettari lungo il corso del ruscello omonimo, dove questi scende infossato in una gola rimasta in gran parte selvaggia benché appena sottostante l’antico borgo di Fontana Liri; qui, verso la fine del 1800, vi fu fatta transitare un tratto delle linea ferroviaria che da Avezzano, in Abruzzo, porta a Roccasecca e Cassino; una vecchia linea rimasta tale e quale, con le sue antiche e belle strutture murarie, ponti e gallerie, senza linea elettrica e che, da qualche tempo, si sta cercando di trasformare in un’attrazione turistica. Un’altra caratteristica locale, questa volta legata al mondo religioso locale, è la presenza del Santuario della Madonna di Loreto, anch’esso inserito nel contesto ambientale e paesaggistico circostante, che lo valorizza, quasi nascosto in un angolo della gola ma facilmente raggiungibile con una strada. L’amministrazione ha ricevuto il plauso da parte dell’associazione wilderness.

CONDIVIDI