Cassino, bruciate le carte dei tributi per occupazione del suolo e affissioni. L’allarme dal sindaco

Nella foto il sindaco di Cassino Carlo Maria D'Alessandro

Sarà caccia grossa a Cassino per individuare i responsabili dell’atto che in molti definiscono vandalico ma che difficilmente, già a prima vista, può sembrare un gesto di solo spregio per la cosa pubblica. Gli ignoti personaggi che si sono introdotti nel palazzo municipale, infatti, hanno appiccato un incendio nell’ufficio tributi dove sono stati inceneriti documenti relativi ai tributi relativi all’occupazione del suolo pubblico e delle affissioni pubblicitarie, Le indagini che sono scattate, infatti, sono sulla pista dell’incendio doloso. A dare notizia dell’incendio è stato lo stesso sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro con un video postato su facebook: “Hanno sfondato delle porte – ha detto il sindaco – e dato fuoco a uno degli armadi dove c’erano documenti. Stiamo collaborando con le forze dell’ordine e andiamo avanti». I carabinieri, agli ordini del maggiore Silvio De Luca, hanno acquisito i filmati del sistema di sorveglianza del Comune e degli esercizi commerciali circostanti.

Dario Facci on BloggerDario Facci on FacebookDario Facci on Youtube
Dario Facci
Direttore at Pertè Online
Dario Facci è un giornalista e un fotografo, ha iniziato nella rivista mensile “Lo Stato delle Cose” e ha lavorato presso RTM RadioTeleMagia, RTM Televisione, TVN Televisione, Lazio Tv. Ha diretto Ciociaria Oggi, l’edizione frusinate de L’Opinione, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Perté Magazine, Il Regionale, La Provincia Quotidiano.

E’ attualmente direttore di Perté Week, Perté Online e Radio Pertè. Ha collaborato con L’Unità, La Repubblica, Sinistra Europea, Qui Magazine, To Be, Ciociaria Turismo. Sue fotografie sono state pubblicate su Ciociaria Oggi, La Repubblica, L’Unità, iI Tempo, La Gazzetta del Mezzogiorno, Novi Listi Glas Istri (Croazia), Primer Acto (Spagna), Village Voice (Stati uniti d’America), La Maga (Cile), To Be, Qui Magazine, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Pertè Magazine, Perté Week