Pontecorvo: Militari dell’Arma impegnati sul territorio, quattro denunciati a piede libero

Nella serata di ieri a Pontecorvo, i carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della locale Compagnia, hanno denunciato a piede libero un 49enne del posto per guida in stato di ebbrezza. I militari, mentre percorrevano le strade cittadine, hanno notato un auto, con alla guida un uomo, che sbandava vistosamente. Pertanto hanno fermato la vettura e proceduto al controllo. Il conducente, in evidente stato di ebbrezza alcolica, è stato condotto in caserma per gli accertamenti di rito, in seguito ai quali ha evidenziato un tasso alcolemico pari al 1,42 grammi/litro, ben oltre il limite consentito. Da ulteriori controlli è emerso che la sua patente era scaduta, come l’assicurazione. I militari, pertanto , hanno ritirato il documento di guida e sequestrato il mezzo.

Nella stessa giornata, i carabinieri dell’Aliquota Operativa anno deferito in stato di libertà tre persone di Pontecorvo, una donna incensurata e due uomini già censiti per reati contro la persona e il patrimonio, per furto di energia elettrica. I militari, da un controllo del contatore nella abitazione dei tre, hanno rilevato che sullo stesso era stato installato un particolare congegno che alterava del 60% l’effettivo consumo, con un notevole risparmio da parte dell’utente. Sul posto è intervenuto anche il personale della società erogatrice dell’energia elettrica che ha disinstallato il congegno e interrotto l’erogazione del servizio

Sempre ieri, a Esperia, sono state tentate due truffe telefoniche ai danni di altrettanti anziani del luogo ma i raggiri, fortunatamente, non sono andati a buon fine grazie all’intuito delle vittime che hanno capito tempestivamente di avere a che fare con truffatori i quali, approfittando dell’età avanzata delle loro vittime, si sono finti familiari degli anziani. a loro hanno chiesto di corrispondere, alla consegna di un pacco da parte di un corriere, la somma dovuta per tale servizio. Proprio per prevenire questo tipo di reato, i comandanti delle Stazioni dipendenti dalla Compagnia di Pontecorvo, da mesi in diversi centri anziani e  nelle parrocchie partecipano a incontri per sensibilizzare i cittadini, in particolare la Terza età, sul fenomeno e sull’importanza di denunciare anche i semplici tentativi di truffa, in modo da permettere alle Forze dell’Ordine di raccogliere elementi utili per l’identificazione degli autori.