Roma. Esche per topi, la denuncia

Sono a rischio centinaia di animali da compagnia e selvatici, uccelli compresi, a Roma per le esche topicide distribuite a vista su gran parte del territorio di Roma. L’Enpa, Ente Nazionale Protezione Animali, dopo il servizio denuncia del TG3, chiede all’Ama di rimuoverle immediatamente. Se dovesse essere avvelenato o peggio ancora morire un solo animale, l’Ente Nazionale Protezione Animale riterrà l’Ama responsabile e si dice pronta a mobilitare i suoi avvocati contro la municipalizzata. Le esche, alcune anche di paraffina sotto gli alberi, sono state posizionate senza adottare alcuna cautela per evitare che altri animali, come cani a passeggio, gatti di colonia, ma anche uccellini e la fauna che vive in città vengano a contatto, rischiando l’avvelenamento. L’ Enpa chiede le dimissioni di chi ha disposto tale intervento «Sono stupita e sconcertata che qualcuno possa aver dato disposizioni in questo senso. Persino un bambino capirebbe la pericolosità di quanto fatto da Ama,  tanto più – ha commenta Carla Rocchi, presidente nazionale di Enpa e responsabile dell’Enpa di Roma – che esiste una ordinanza ministeriale antiveleno con un preciso protocollo da seguire. Chiedo a tutti di attivarsi in tal senso. Nella sua incosciente impreparazione Ama mette a rischio anche la vita di un bambino che venisse in contatto con tali esche». Per quanto riguarda poi la derattizzazione, Enpa ricorda che ci sono metodi ecologici e incruenti per ridurre la presenza di topi in città.

CONDIVIDI