Truffe ai bancomat, tenere alta l’attenzione

“Come ogni estate sopratutto nelle località turistiche aumentano i prelievi di contante al bancomat , e aumentano i tentativi di clonazione di carte e codici attraverso gli skimmer”. Questo quanto si legge sul profilo dell’organizzazione governativa “Una vita da social” che vede impegnata la Polizia di Stato nella prevenzione e repressione di ogni tipo di truffa. “Solo a Venezia sette casi negli ultimi giorni”, viene spiegato sul profilo. Resta alta l’attenzione sul fenomeno dell’installazione degli skimmer (i lettori dei dati di bancomat e carte di credito messi dai truffatori per rubare le informazioni e i codici pin dei clienti). Il codice penale è molto severo nella repressione di questo tipo di reati: in caso di condanna è prevista una pena che varia da un minimo di un anno a un massimo di quattro anni di reclusione. Dalla Polizia di Stato invitano a fare “massima attenzione quando preleviamo in orario di chiusura dell’Istituto”, ricordando a tutti di contattare immediatamente le Forze dell’Ordine in caso di sospetti. 

CONDIVIDI