Cassino. Rifiuti, il sindaco convoca la consulta dei sindaci del Lazio Meridionale

 

Il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, ha scritto a tutti i primi cittadini della consulta del Lazio Meridionale, per programmare una riunione e dibattere su un tema molto importante e tornato alla ribalta nell’ultimo periodo: la gestione dei rifiuti.

“Nei giorni scorsi – ha detto il primo cittadino nella missiva che sarà recapitata entro lunedì a tutti i Sindaci – è pervenuta la nota del Presidente della Provincia attestante l’avvio delle procedure per l’elaborazione di un documento ricognitivo sulle aree idonee e non idonee per la localizzazione degli impianti di smaltimento dei rifiuti, nonché le zone adatte alla localizzazione degli impianti di recupero.

Orbene, è appena il caso di evidenziare quale sia la situazione concernente il territorio del Lazio Meridionale, che ormai da anni subisce situazioni di grave disagio. Inoltre sempre qualche giorno fa il Sindaco del Comune di Roma, Virginia Raggi ha manifestato la volontà di far conferire ulteriori rifiuti in provincia di Frosinone ed in particolar modo nel Termovalorizzatore di San Vittore del Lazio, al fine di redimere l’emergenza della Capitale.

In molti ci siamo espressi su questo ed è importante attivare un confronto con tutte le realtà territoriali per mettere in campo, qualora ce ne fosse bisogno, tutte le azioni, anche le più estreme, necessarie ad impedire il conferimento di ulteriori rifiuti nel termovalorizzatore di proprietà di Acea sito a San Vittore del Lazio. Sono convinto altresì che per utilizzare gli impianti, non basta esserne proprietari, ma è necessaria una condivisione con le istituzioni locali e la comunità.

Pertanto, – conclude D’Alessandro nella missiva rivolta ai primi cittadini – ti invito all’Assemblea della Consulta dei Sindaci del Lazio Meridionale che per l’occasione si terrà a Roccasecca il giorno 7 settembre presso il Palazzo Comunale alle ore 11:00, ed alla quale parteciperà anche il “Coordinamento dei Sindaci contro i Rifiuti del Basso Lazio”.

 

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI