Condanne da scontare per truffe e falsificazioni, due 50enni in manette ad Arnara e Frosinone

Nella serata di ieri, i carabinieri della Stazione di Ceccano hanno arrestato un 50enne residente ad Arnara, già censito per truffa e falso, in attuazione di un’ordinanza per  l’espiazione di una pena detentiva agli arresti domiciliari della durata di 10 mesi, emessa dal Tribunale di Massa relativamente ai reati di truffa e falsificazione di assegni, commessi dall’uomo nella provincia toscana a dicembre del 2011. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto al regime di detenzione domiciliare presso la propria abitazione.

Sempre ieri, i carabinieri della Stazione di Frosinone, traevano in arresto un 55enne residente nel Capoluogo, già censito per reati contro il patrimonio, in esecuzione di un’ordinanza per l’espiazione di pena detentiva agli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Roma per i reati di falso, sostituzione di persona, truffa ed appropriazione indebita, commessi a Frosinone dal 2005 al 2011. L’arrestato, che dovrà scontare una pena di un anno, 3 mesi e 10 giorni di reclusione, dopo le formalità di rito, è stato ristretto ai domiciliari presso la propria abitazione.