Corruzione – Ai domiciliari un tecnico di Piglio e due imprenditori di Anagni

Dalle prime ore del mattino il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale sta eseguendo 6 ordinanze di misura cautelare per ordine del Gip del Tribunale di Frosinone su richiesta della Procura della Repubblica di Frosinone nei confronti di imprenditori e funzionari pubblici. Secondo quanto riferito si tratta di 3 arresti ai domiciliari nei confronti di un tecnico del Comune di Piglio (Fr) e di due imprenditori di Anagni (Fr). Inoltre i Carabinieri Forestale stanno eseguendo 3 misure interdittive del divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione nei confronti di altrettanti imprenditori. Di questi uno residente in provincia di Frosinone ha anche il divieto di risiedere nel comune di Piglio e gli altri due, residenti a Roma, hanno il divieto di risiedere in provincia di Frosinone. L’indagine svolta dal NIPAAF del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone e coordinata dalla Procura della Repubblica di Frosinone nasce dagli sviluppi dell’inchiesta denominata “Urban Waste”, secondo quanto riferito dagli organi di polizia giudiziaria si ipotizza il reato di corruzione per due appalti affidati dal Comune di Piglio. I dettagli in seguito a una conferenza stampa che si terrà alle ore 11.

Cinzia Cerroni