Ferentino. Domiciliari per l’ex consigliere Pio Riggi

E’ stato scarcerato Pio Riggi. L’ex consigliere di Ferentino,  coinvolto nello scandalo del project financing del cimitero, si trova ora ai domiciliari. La sua collaborazione con i magistrati e la linea difensiva del suo avvocato di fiducia, Giampiero Vellucci, gli hanno aperto le porte del carcere. Si trova in un’abitazione lontana dalla sua città, a Vasto Marina in provincia di Chieti.  Determinante la trascrizione da parte di un consulente informatico incaricato di un video di 33 minuti,  che è stato girato a gennaio da parte di un cugino di Riggi finito anch’egli nell’inchiesta, e che ha potuto  fornire un’altra, ben diversa, chiave di lettura. In pratica, in un incontro presso una sala bowling, l’imprenditore di Tivoli che ha presentato la denuncia che poi ha portato agli arresti,  si intrattiene con alcuni degli arrestati e parla di Ferentino facendo  i nomi di alcuni personaggi  ai quali l’imprenditore dice di aver consegnato del denaro, non in maniera violenta o minacciosa, “tanto -si legge nell’ordinanza- che non si percepiscono né contatti fisici, né espressioni violente”, di conseguenza cade l’aggravante della camorra. Determinanti inoltre si legge ancora “le sue dimissionid a consigliere comunale; il ritiro del suo assessore di riferimento, Andrea Valenti Martinez; l’aver indicato una abitazione diversa da quella di Ferentino.

 

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI