Frosinone. Ancora fumo dalla Mecoris, cresce la preoccupazione -GLI INTERVENTI-

Ancora fumo dalla Mecoris. Nel tardo pomeriggio,  nuovo intervento dei vigili del fuoco. Cresce la preoccupazione tra la popolazione, nonostante le rassicurazioni.

“La Mecoris alle 19.30 di oggi ancora “fuma” – scrive il consigliere comunale del Pd, Angelo Pizzutelli – che si interroga come sia possibile e sollecita una conferenza stampa della proprietà per fugare qualsiasi eventuale dubbio alla cittadinanza e rassicurare tutti.

Antonella D’emilia (Pd), richiede informazioni circa la situazione della Mecoris, perché ancora c’è quel fumo e perché non vengono fatti interventi per eliminarlo.

Sul tema é intervenuto anche Vincenzo Iacovissi del Partito Socialista Italiano, il quale dice: “La vicenda conferma la vulnerabilità ambientale di Frosinone e del territorio circostante, che mina anzitutto la salute dei cittadini ma anche l’attrattivita’ della Ciociaria verso l’esterno. A prescindere dal regime delle autorizzazioni, non è ipotizzabile concepire la presenza di impianti per il trattamento dei rifiuti all’interno del circuito urbano ed in prossimità di abitazioni civili e commerciali. In queste difficili ore bisogna quindi inquadrare lucidamente il problema ed elaborare progetti di soluzione. Il comune di Frosinone dovrebbe farsi parte attiva di una forte iniziativa di sensibilizzazione con i comuni vicini e tutti gli enti istituzionali competenti per capire cosa fare e come farlo. Non esistono, purtroppo, soluzioni immediate ma si può immediatamente pensare a come affrontare il problema “in grande”. Serve uno scatto di mentalità coraggioso da parte di tutti, modificando abitudini e costumi consolidati. In questo quadro la città intercomunale sarebbe la sede più idonea dove affrontare il tema, a patto che si mettano presto da parte timidezze, egoismi e campanilismi. Occorre, intanto, tenere alta l’attenzione mediatica, affinché, in parallelo con il lavoro dell’autorità giudiziaria e degli enti preposti alla tutela ambientale, i cittadini diventino attori protagonisti della bonifica della nostra terra. Senza la quale nessun rilancio, occupazionale, economico e sociale, potrà mai vedere la luce”.

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI