Frosinone. Due appartamenti popolari adibiti a spaccio di droga, un arresto

Nella mattinata di oggi a  Frosinone, personale della Squadra Mobile della locale Questura unitamente ai Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone, hanno arrestato  per  “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente” un  44enne, originario della Campania, ma residente nel capoluogo. Il provvedimento è scaturito all’esito di un’operazione di servizio che ha visto i militari effettuare alcune perquisizioni domiciliari   presso due appartamenti di edilizia popolare, nella zona Scalo dove sono stati trovati:

  • nel primo, un involucro in cellophane con circa 30 grammi di cocaina nascosta all’interno di una caffettiera, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento nonché la somma contante di 740 euro in banconote di piccolo taglio. La persona occupante è la persona tratta in arresto;
  • nel secondo, allo stato non occupato, sono stati trovati circa 200 grammi di cocaina, un bilancino di precisione elettronico e materiale per il confezionamento.

I due appartamenti presentavano un sistema di difesa tesi ad ostacolare e/o ritardarne l’accesso delle forze di polizia. Nel primo, oltre ad una porta blindata ed un sistema di telecamere orientato sugli accessi allo stabile, era stata creata una seconda “porta a sbarre” realizzata in modo tale da impedire la totale apertura del portone stesso, ma, allo stesso, tempo, consentire agli acquirenti di introdurre le sole mani per lo scambio soldi- droga. Nel secondo, invece, la grata in ferro era stata collocata all’esterno. Inoltre al centro del portone era stato ricavato uno spioncino.

Cinzia Cerroni