Latina. “Alba Pontina”, gli interrogatori

Operazione Alba Pontina. Al via oggi i primi interrogatori di garanzia, per alcune delle 25 persone, arrestate ieri dalla Polizia. Ascoltati dal gip Mara Mattioli, nove degli indagati detenuti nel carcere di Latina. Si è proclamato innocente Armando Di Silvio, detto Lallà, difesto dagli avvocati Luca Giudetti e Oreste Palmieri, considerato capo del clan e chiamato a rispondere di associazione a delinquere di stampo mafioso. Il capoclan ha risposto alle domande del giudice: “Non c’entro niente con l’associazione e non so cosa abbiano fatto i miei figli”, ha dichiarato Armando Di Silvio al gip. Due dei figli di Armando Di Silvio, Gianluca e Samuele Di Silvio si sono avvalsi della facoltà di non rispondere ma hanno reso al gip spontanee dichiarazioni in cui hanno ribadito che il padre Armando era completamente estraneo ai fatti. Ha parlato anche Matteo Lombardi, che si è difeso dalle accuse, mentre hanno scelto il silenzio altri cinque arrestati: Daniele Sicignano, Ismail El Gayesh, Mohamed Jandoubi, Hacene Ounissi e Federico Arcieri. Lunedì sarà la volta degli indagati che si trovano agli arresti domiciliari. Gli altri sono invece rinchiusi nel carcere di Velletri, mentre le donne del clan si trovano nel carcere di Rebibbia.

CONDIVIDI