Patrica/Supino. Aria irrespirabile nella più completa indifferenza

Una nube nera che si sprigiona in aria, certo,  fa più clamore di un inquinamento “silente”. Eppure, dopo tanto parlare di controlli capillari, di bonifica della Valle del Sacco (area tra i Sin più inquinata d’Italia) ci troviamo ancora una volta a denunciare come l’aria sia irrespirabile nella zona bassa tra Patrica e Supino, sulla via Morolense. Olezzi nauseabondi che non fanno più notizia, ma che costringono la popolazione residente, le attività commerciali che vi insistono, a conviverci, nella più completa normalità, anche se tanto normale non è. Le istituzioni preposte,  gli organi deputati al controllo, sono stati invitati, più volte ad attivarsi per individuare e perseguire i responsabili. Tutti gli appelli della popolazione, sembrano cadere nel vuoto. Costretti a subire, costretti a pagare sulla nostra pelle le conseguenze di un inquinamento irreversibile, nel più totale ed assordante silenzio.

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI