Pomezia. Spacciavano in spiaggia, presa la banda

Spacciavano ai minorenni sotto l’ombrellone. Un gruppo criminale è stato smantellato a Torvaianica dalla Squadra Mobile di Roma che ha arrestato cinque cittadini marocchini di età compresa tra i 29 e i 47 anni. Come ricostruito dagli inquirenti i 5, tutti con precedenti e irregolari sul territorio, avevano allestito un vero e proprio chiosco della droga al centro di una spiaggia libera sulla litoranea di Torvaianica. Sotto il loro ombrellone, infatti, all’interno di zaini e borse frigo, nascondevano diversi involucri contenenti marijuana ed hashish, oltre a bilancini di precisione e materiale per dividere le dosi da vendere. Mimetizzati tra i bagnanti, i “Falchi” della Squadra Mobile, in tenuta da mare, hanno studiato il modus operandi del gruppo: dopo aver armeggiato all’interno degli zaini sotto l’ombrellone, si allontanavano a coppie per avvicinare le persone in spiaggia e offrire lo stupefacente. Un servizio che aveva tra i clienti soprattutto minorenni, raggiunti comodamente sotto i loro ombrelloni dagli spacciatori. Una volta accertata la cessione della droga, gli agenti hanno inseguito gli stranieri bloccandoli e ammanettandoli. Per sottrarsi all’arresto, alcuni oltre ad opporsi con violenza si sono anche gettati tra i cespugli di rovi in spiaggia. Sotto l’ombrellone occupato dal gruppo criminale, anche con l’ausilio di unità cinofile, sono stati trovati circa un chilogrammo di marijuana e 2 kg. di hashish, oltre a denaro contante provento della vendita dello stupefacente. Fermati anche tre acquirenti, di cui due minorenni, segnalati alla Prefettura. Un poliziotto, aggredito da uno degli arrestati, ha riportato la frattura della mano destra.