Roma. Cassonetti in fiamme a Ostia, arrestati fratelli piromani

Davano fuoco ad auto e cassonetti, poi si spostavano con vetture di volta in volta rubate, che venivano quindi date alle fiamme per cancellare le tracce. Due fratelli piromani, 19 e 21 anni, di origini lituane, sono stati arrestati dai Carabinieri di Ostia. Le indagini dei militari sono partite dopo gli incendi che hanno coinvolto due autovetture e circa 40 cassonetti utilizzati per la raccolta differenziata da poco installati sul territorio. Roghi che si sono verificati, in rapida successione, nelle notti dell’8, del 25 e del 26 ottobre 2017,  e che molti cittadini della zona tristemente ricordano come “Le notti di fuoco”. L’analisi dei molteplici sistemi di videosorveglianza, incrociata ad una complessa attività di analisi di dati di natura tecnica, ha fatto emergere chiari indizi di colpevolezza nei confronti dei due giovani lituani, che vivono proprio in un’area area limitrofa ai luoghi interessati dagli incendi. La successiva attività tecnica di intercettazione telefonica e localizzazione ha permesso di accertare l’attività criminale dei fratelli che, oltre ad aver appiccato il fuoco più volte su tutto il territorio del X  Municipio, hanno rubato anche negli esercizi commerciali. In particolare prima di ogni azione delittuosa, i fratelli erano soliti rubare automobili, da utilizzare per i loro “colpi”. Durante ogni furto, i due si coprivano vicendevolmente, in quanto uno rimaneva all’esterno del locale preso di mira, informando costantemente l’altro telefonicamente, utilizzando un improvvisato gergo militare. I furti si concludevano sistematicamente con l’incendio dell’autovettura utilizzata per compiere il reato o addirittura con l’incendio dello stesso locale depredato. Un esempio fra tutti è  stato il furto e il successivo incendio avvenuti ai danni di un noto vivaio di Dragona che hanno cagionato danni complessivi per circa 100.000 euro. I due hanno anche rubato l’auto del parroco della Chiesa Stella Maris di Ostia. Il valore dei danni causati dai due ammonta ad oltre mezzo milione di euro.