Roma. Chikungunya, sale il numero dei casi

Sale ancora il numero dei nuovi casi di Chikungunya nel Lazio, ed è molto probabile che nella zona di Roma si verifichino nuovi casi, secondo il Centro Europeo di Controllo delle Malattie. “Il fatto che il primo contagio potrebbe essere avvenuto a metà luglio, che i casi sono riportati in due aree separate e che diversi casi asintomatici sono sotto indagine suggerisce che la trasmissione locale è molto efficace – spiegano gli esperti europei -. Dato che le condizioni ambientali rimarranno le stesse nel Lazio nelle prossime settimane, la probabilità di ulteriore trasmissione è alta”. Intanto, dopo il blocco parziale delle donazioni disposto dal Centro Nazionale Sangue nei territori coperti dalla Asl Roma 2, le zone sud e est della Capitale che contano un milione di abitanti, arrivano da diverse Regioni italiane sacche di sangue per sopperire al deficit. Il provvedimento adottato per la Asl Roma 2, inoltre, non dovrebbe essere esteso ad altre zone della città, come conferma il capo della cabina di regia sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato. ‘Anche perché – sottolinea – le altre Asl hanno introdotto una quarantena’. E il presidente della Regione Zingaretti assicura che non ci sarà nessuna emergenza.

CONDIVIDI