Roma. Ostia, trovate pistole e reperti archeologici

Proseguono i controlli dei Carabinieri del Gruppo di Ostia.  Nella giornata di ieri sono state impiegate numerose pattuglie e attuati posti di controllo alla circolazione stradale lungo le principali arterie stradali della zona, che hanno passato al setaccio 105 veicoli e identificato oltre 200 persone. Nel corso delle ispezioni della scorsa notte, scattate in particolare nel quartiere di Ostia Nuova, i Carabinieri hanno rinvenuto due pistole – con il relativo munizionamento – e due reperti archeologici di epoca etrusca/romana. In particolare le armi, un  revolver “Colt” e una pistola semiautomatica “Beretta” cal. 7.65, sono state rinvenute avvolte in strofinacci di tela e nascoste nel sottoscala di un condominio di piazza Lorenzo Gasparri, la cui porta è stata aperta dai Carabinieri – pronte all’uso – con tre caricatori e un centinaio di proiettili. Nello stesso condominio, nascoste in una nicchia del vano ascensore, sono state scoperte alcune dosi di cocaina e un bilancino di precisione. Sono stati scovati, inoltre, due reperti archeologici di presumibile epoca etrusca/romana e consistenti in un mezzo busto e un’iscrizione marmorea, abilmente occultati sotto alcuni panni trovati all’interno di un’autovettura di proprietà di un pregiudicato, parcheggiata nel piano interrato di una palazzina sita in via Mario Ruta. Infine, è stato arrestato un 25enne di Acilia trovato in possesso, a seguito di perquisizione domiciliare, di circa 20 grammi di sostanza stupefacente già suddivisa in dosi. Il ragazzo, in attesa dell’udienza di convalida, è stato posto agli arresti domiciliari. Sono in corso ulteriori accertamenti sia in relazione all’utilizzo delle armi rinvenute in pregresse azioni delittuose, tramite la comparazione balistica, sia per verificare l’interesse storico e la provenienza degli oggetti artistici.

CONDIVIDI