Roma. Trascinata da metro, nuove contestazioni

Dovrà rispondere anche di violazione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro per infortuni causati a terzi il conducente del convoglio della metro che mercoledì sera ha trascinato per alcuni metri una donna rimasta incastrata nelle porte dell’ultima carrozza. Questa la nuova contestazione dei pm della Procura capitolina dopo quella di lesioni personali. Il conducente potrebbe essere convocato a breve per un interrogatorio. Agli atti dell’inchiesta, coordinata dall’aggiunto Nunzia D’Elia, sono presenti delle dichiarazioni rese dal conducente della metro nell’immediatezza dell’accaduto e quindi nella veste di persona informata sui fatti. Presto i magistrati di piazzale Clodio disporranno una consulenza tecnica per capire se quel treno, un convoglio di vecchia generazione che ora è stato sequestrato, fosse stato sottoposto a controlli e manutenzione e se fosse a norma in tema di sicurezza dei viaggiatori.

CONDIVIDI