San Giorgio a Liri. Per nascondere alla moglie di aver speso per sé i soldi simula una rapina

(immagine di repertorio)

Aveva denunciato l’8 agosto scorso, presso la Stazione Carabinieri di San Giorgio a Liri, di esser stato vittima di una rapina, riferendo ai militari che mentre transitava a piedi nel centro abitato, era stato avvicinato da due malviventi, cittadini africani, di cui uno armato di rasoio da “barbiere” monolama, che lo avevano costretto a consegnare loro la somma di circa 80 euro , un accendino ed un pacchetto di sigarette, per poi dileguarsi per le vie attigue, ove a suo dire avevano fatto perdere le loro tracce.

Si tratta di un 31enne del posto.

L’attività investigativa sviluppata subito dopo dai militari, mediante visione dei filmati di videocamere presenti in loco, consentiva invece di accertare che nel luogo e nell’orario indicato, non vi era stata né la sua presenza né tantomeno quella dei presunti aggressori.

Si è accertato che il reato ipotizzato era stato simulato dall’uomo che voleva così giustificarsi con la propria consorte per aver speso la somma di 80 euro per cose personali, è stato denunciato  per il reato di “simulazione di reato”.

Cinzia Cerroni
CONDIVIDI