Sora/Cassino. Controlli della polizia sul territorio, il bilancio

Giornata impegnativa quella di ieri per gli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Sora. Dopo l’arresto in mattinata per detenzione ai fini di spaccio di due residenti di etnia rom, sono proseguiti nella serata i controlli straordinari del territorio con l’ausilio delle unità Speciali del Reparto Prevenzione Crimine Lazio.

Particolare attenzione è stata rivolta alla prevenzione e repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti e ai reati di natura predatoria.

L’attività degli uomini della Polizia di Stato è arrivata anche al paese delle cascate dove è particolarmente sentita la movida notturna.

6 sono stati i posti di controllo istituiti lungo le arterie adducono alle città ove, grazie alla preziosa e collaudata collaborazione delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, è stato possibile filtrare ogni mezzo in transito verso i centri cittadini. I modernissimi mezzi del R.P.C. dotati  dell’ormai noto  sistema “Mercurio”, una piattaforma tecnologica che permette, in tempo reale, di verificare in modo automatico la regolarità dei veicoli anche in movimento, hanno consentito agli operatori di attuare un capillare sistema di controllo.

Gli agenti, poi, hanno focalizzato la loro attenzione sui centri di maggiore aggregazione sociale, sui luoghi di ritrovo ed esercizi pubblici.

Nel corso dell’attività di prevenzione sono stati eseguiti numerosissimi controlli in ridottissimi margini di tempo assicurando, nel contempo, una maggiore copertura del territorio.

La presenza degli uomini in divisa si pone  come obiettivo quello di garantire la sicurezza e renderla  percepita ai cittadini.

Il  personale del Commissariato di Cassino, ha operato invece  in zone strategiche della città. Istituiti 3 posti di controllo, identificate oltre 40 persone e verificata la regolarità di oltre 20 veicoli.

Nel corso di tali servizi gli agenti della Squadra Volante hanno controllato, all’interno del parcheggio dell’ospedale di Cassino, un 41enne di origini partenopee.

L’uomo si aggirava con fare sospetto tra le auto. Fermato dai poliziotti, il cittadino napoletano, che annovera precedenti per reati contro il patrimonio, è risultato anche inottemperante al divieto di far ritorno nel comune della Città Martire.

Gli agenti della Polizia di Stato lo hanno deferito alla competente A.G.

 

 

Cinzia Cerroni