Truffa ad una società partecipata dal ministero dell’economia, coinvolti imprenditori di Frosinone

Parla il col. Alessandro Gallozzi, comandante prov.le Gdf Frosinone

Hanno ottenuto  indebitamente ingenti contribuzioni da parte del GSE, il gestore servizi energetici, società interamente partecipata dal ministero dell’economia e delle finanze, a fronte di documentazione falsa. 47 milioni di euro sequestrati

I finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria di frosinone, coordinati dai magistrati del gruppo reati contro la pubblica amministrazione della procura della repubblica di roma, hanno individuato un pericoloso sodalizio criminale che attraverso tre società di roma, Frosinone e Treviso, ha presentato migliaia  di domande per l’erogazione di incentivi in relazione all’esecuzione di specifici interventi di efficientamento energetico, a fronte delle quali erano stati erogati contributi pubblici per circa 47milioni di euro.

Sette le persone fisiche indagate, due della quali della provincia di frosinone. Perquisizioni in tutta italia a roma, venezia, padova, treviso, frosinone, castro dei volsci, casale sul sile e oderzo in provincia di treviso.

Le fiamme gialle hanno ascoltato numerose persone in tutto il territorio nazionale, con particolare riferimento ai tecnici e ai pubblici ufficilai rilevati a seguito dell’esame della documentazione acquisita presso il gestore servizi energetici, si è accertato che gli interventi non sono stati mai realizzati, ovvero che tutte le comunicazioni prodotte erano inesistenti o contraffatte. E’ stato riscontrato che le imprese incaricate di svolgere i lavori non hanno mai realizzato tali interventi e che le relative fatture emesse erano state tutte materialmente contraffatte.

Cinzia Cerroni