Uncem, Bellucci: “Il Senato approvi presto il ddl su piccoli comuni e montagna

Il presidente dell'Uncem Lazio, Achille Bellucci con il presidente nazionale Borghi (a sin.)

Fare in fretta. Approvare subito, nel mese di febbraio, il disegno di legge sui piccoli Comuni, la montagna, il recupero dei centri storici. Tocca al Senato, dopo che il ddl ha già avuto il via libera della Camera dei Deputati in prima lettura il 28 settembre 2016. A chiederlo sono i presidenti delle Delegazioni italiane di Uncem, che nei giorni scorsi hanno inviato una serie di lettere ai Deputati di ciascuna regione e al presidente del Senato Pietro Grasso.

“È un ddl molto atteso dai territori – commenta il vicepresidente vicario di Uncem Toscana Andrea Rossi – una vera opportunità per tutto il Paese che finalmente decide di investire su un’idea di sviluppo endogeno e integrato in grado di puntare sui territori e sulle comunità, di coniugare storia, cultura e saperi tradizionali con l’innovazione, le nuove tecnologie e la green economy”. L’iniziativa legislativa interessa ben 5.585 piccoli Comuni italiani che amministrano più della metà del territorio nazionale e dove vivono oltre 10 milioni di cittadini: “Queste piccole realtà – aggiunge Alberto Mazzoleni di Uncem Lombardia – sono una straordinaria risorsa per difendere la nostra identità, le nostre risorse e proiettarle nel futuro, verso un’idea di Italia più ambiziosa, in cui sostenibilità, residenzialità e parità di diritti diventano il leitmotiv per lo sviluppo locale”. E proprio per questa ragione “i piccoli Comuni – evidenziano Antonio Di Maria e Vincenzo Luciano di Uncem Campania – necessitano di un’attenzione particolare essendo spesso ubicati in territori montani o aree interne e rurali”. “Sono comunità vere e proprie che determinano al loro interno un forte equilibrio territoriale per la salvaguardia della storia e dell’ambiente, diventando un vero capitale sociale locale in grado di preservare l’assetto idrogeologico e tutelare le aree interne. Luoghi dove più da vicino e direttamente si sperimenta e si dà corpo all’autogoverno di una comunità grazie alla sussidiarietà”, ribadiscono Antonio Innaurato e Michele Maiani, alla guida delle Delegazioni Uncem Abruzzo e Marche.

L’appello al presidente Grasso è evidente e Uncem richiama i numerosi interventi del presidente della Repubblica Mattarella che visto al centro l’importanza dei piccoli Comuni e delle Aree interne per il Paese. “Eppure, fino ad oggi, per troppo tempo – sottolinea Lido Riba, presidente Uncem Piemonte – i piccoli Comuni hanno dovuto attendere perché potessero essere riconosciuti come una risorsa per l’intero Paese, anziché una zavorra. Basta pensare al numero di volte che i precedenti disegni di legge in materia hanno viaggiato su navette tra la Camera e il Senato, senza finalizzazione”. “Per questo motivo – gli fanno eco Ennio Vigne, Galdino Zanchetta e Stefano Luccchini di Uncem Veneto e Uncem Friuli Venezia Giulia – di fronte al nuovo disegno di legge bipartisan, abbiamo delle grandi aspettative essendo questo un testo che fa dei territori dei piccoli Comuni una fase avanzata e moderna del Paese, riconoscendone la peculiarità e intervenendo su aspetti cruciali come i servizi – scuole, trasporti, uffici postali – e lo sviluppo economico”.

 

“L’approvazione del disegno di legge all’unanimità alla Camera dei Deputati lo scorso 28 settembre – spiegano ancora Achille Bellucci e Flavio Cera di Uncem Lazio – è stato un grande successo per tutti noi e per questo vogliamo sollecitare l’iter anche al Senato, considerando che le precedenti proposte hanno trovato uno stallo proprio in questo ramo. Una situazione che confidiamo non si verifichi nuovamente perché a subirne le conseguenze saranno ancora una volta i territori e le loro popolazioni. Il 2017 anno dei Borghi confidiamo sia l’inizio di un nuovo percorso e di un nuovo sviluppo per queste nostre piccole realtà”.

 

Dario Facci on BloggerDario Facci on FacebookDario Facci on Youtube
Dario Facci
Direttore at Pertè Online
Dario Facci è un giornalista e un fotografo, ha iniziato nella rivista mensile “Lo Stato delle Cose” e ha lavorato presso RTM RadioTeleMagia, RTM Televisione, TVN Televisione, Lazio Tv. Ha diretto Ciociaria Oggi, l’edizione frusinate de L’Opinione, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Perté Magazine.

E’ attualmente direttore di Perté Week, Perté Online e Radio Pertè. Ha collaborato con L’Unità, La Repubblica, Sinistra Europea, Qui Magazine, To Be, Ciociaria Turismo. Sue fotografie sono state pubblicate su Ciociaria Oggi, La Repubblica, L’Unità, iI Tempo, La Gazzetta del Mezzogiorno, Novi Listi Glas Istri (Croazia), Primer Acto (Spagna), Village Voice (Stati uniti d’America), La Maga (Cile), To Be, Qui Magazine, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Pertè Magazine, Perté Week
CONDIVIDI