Bonus occupazionale, Abbruzzese bacchetta l’amministrazione regionale

“La montagna ha partorito il topolino. Questo è il risultato del tanto sbandierato “Bonus occupazionale per le imprese che assumono a tempo indeterminato disoccupati residenti nelle province di Frosinone e Rieti” promosso dalla Regione Lazio come provvedimento salvifico per la risoluzione del problema dei lavoratori del cosiddetto bacino della Vertenza frusinate”. Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali.
“Infatti con la determina di oggi 21/04/2017, la direzione regionale lavoro, area attuazione interventi, ha provveduto all’approvazione dell’esito valutativo espresso dal nucleo istruttorio relativamente all’accertamento della sussistenza o meno dei presupposti per l’accesso al bonus occupazionale per le imprese che assumono a tempo indeterminato disoccupati residenti nella provincia di Frosinone e Rieti, relativamente alle domande presentate dalle imprese. Come noto, l’impegno di spesa complessivo destinato dalla Regione Lazio è di 4.000.000 di euro, Il Bonus occupazionale, come riportato nell’allegato A dell’avviso pubblico del 2/08/2016, ha valore finanziario massimo di € 8.000 per ogni assunzione a tempo indeterminato. Sempre secondo il bando ufficiale, i Bonus sono stati così ripartiti fra le province di Frosinone e Rieti: numero massimo di 400 Bonus a favore dei disoccupati residenti, legalmente ed ininterrottamente, da almeno il 15 giugno 2015 nei Comuni della Provincia di Frosinone; numero massimo di 100 Bonus a favore dei disoccupati residenti, legalmente ed ininterrottamente, da almeno il 15 giugno 2015 nei Comuni della Provincia di Rieti. Questo provvedimento del bonus, a detta di Zingaretti dell’Assessore al lavoro Valente, novelli Pinocchio 2.0, sarebbe stata la soluzione per le centinaia di disoccupati della provincia di Frosinone ed in parte di Rieti.
E questa favola è stata sostenuta sempre ad ogni occasione di incontro con i lavoratori della Vertenza frusinate. Ebbene, la determina di oggi della direzione Lavoro ha smascherato la grossolana bugia. Le imprese, tra Frosinone e Rieti, che hanno fatto istanza di accesso al bonus sono state appena 91 e il nucleo istruttorio che ha esaminato le pratiche, ne ha dichiarato ammissibili a finanziamento appena 87. Altro che 400 bonus a Frosinone e 100 a Rieti, 87 in totale. Questa è la verità, reale. Questo è il grande risultato ottenuto dalla Regione Lazio per i disoccupati della provincia di Frosinone. Credo che dopo questo ennesimo flop, Zingaretti e la Valente dovrebbero chiedere scusa ai disoccupati della Vertenza frusinate della provincia di Frosinone ed ammettere il loro totale fallimento su tutte le politiche per il lavoro”. Ha concluso Mario Abbruzzese.

CONDIVIDI