Fontana Liri. La digitalizzazione per il rilancio del sito Propellenti

Il deputato del MoVimento 5 Stelle Luca Frusone e il candidato M5S al Parlamento europeo Gianluca Macone si sono recati presso il Centro di Dematerializzazione e Conservazione Unico della Difesa (CEDECU) con sede a Gaeta incontrando le professionalità dello stabilimento e apprezzando le capacità di innovazione del sito. Il deputato Luca Frusone dichiara: «Quest’importante realtà è riconosciuta in ambito regionale e nazionale grazie alla qualità dei servizi che fornisce alla Difesa e ad altri enti della Pubblica Amministrazione. La digitalizzazione degli archivi con la possibilità di poter organizzare, classificare e disporre di un’enorme mole di informazioni e dati, che sono essenziali per la nostra società sia da un punto di vista culturale che economico, è un aspetto imprescindibile per lo sviluppo e comporta benefici sul piano della trasparenza, della qualità dei rapporti che il cittadino ha con gli enti pubblici e del risparmio».

«La nostra presenza allo stabilimento di Gaeta – continua il deputato M5S Frusone – si spiega anche in funzione del rilancio dello stabilimento di Fontana Liri. Da tempo stiamo lavorando per il rilancio definitivo del sito ciociaro, ora c’è la possibilità di implementarne le attività proprio con la digitalizzazione e la dematerializzazione di documentazione. Tutto questo per dare un segnale che quel sito non è stato abbandonato però, in questa prospettiva, chiedo che tutti gli enti locali in provincia di Frosinone diano il buon esempio utilizzando i servizi che Fontana Liri a breve potrà offrire e che porteranno al miglioramento dei servizi della pubblica amministrazione per i cittadini»

Il candidato M5S al Parlamento europeo Gianluca Macone sottolinea la rilevanza del Centro di Dematerializzazione e lancia la sfida sui fondi europei:«Lo stabilimento di Gaeta è protagonista brillante del nostro territorio e merita il pieno sostegno delle istituzioni. Mi ha molto colpito la propensione all’aggiornamento dei dipendenti dello stabilimento hanno saputo adattarsi ai cambiamenti nel loro lavoro. Questo aspetto sarà cruciale per il futuro: sulla formazione dei lavoratori, il rapporto tra Europa ed enti locali deve svilupparsi su basi più solide, spesso mancate per colpa di partiti come Pd e Forza Italia, capaci solo di occupare poltrone ai vertici delle istituzioni locali ed europee senza farne uno strumento positivo per migliorare la qualità della vita dei cittadini. I parlamentari europei possono costituire un ponte importante per facilitare l’arrivo dei fondi messi a disposizione dell’Europa»

Cinzia Cerroni