Ceccano – Anche Giulio Conti (nonostante tutto) candidato a sindaco

Giulio Conti

Ceccano – Anche Giulio Conti si candida alla carica di sindaco di Ceccano. Ha ufficializzato la sua decisione nella notte con una nota. Non aveva mai fatto mistero di avere questa intenzione negli anni passati e neanche recentemente. Il litigio e l’allontanamento dal Pd (anche se non risultano atti ufficiali a sancire l’ostracismo anche se richiesti dal direttivo cittadino ai tempi della “cacciata” della Piroli e le accuse a Conti di aver fatto da stampella al sindaco Caligiore salvandolo dalla caduta, ma sappiamo come sono andate le cose poi) lo hanno portato a dialogare con Antonio Pompeo per un periodo e poi a presenziare alla prima riunione pubblica, a Frosinone, di Italia Viva.  La mossa di Marco Corsi, che oltre al sostegno di alcuni candidati civici ha anche quello dei socialisti e del Pd (hanno annunciato di aver iniziato il dialogo con Corsi) lo ha fatto riflettere sul da farsi ed ha considerato l’ipotesi di sostenere anche lui Corsi con una sua lista. Qualcosa deve essere successo negli ultimi giorni dalla quale è scaturita la decisione di avanzare comunque direttamente la sua candidatura. Così, dopo quella di Emanuela Piroli, in contrapposizione al Pd cittadino con il quale ha innescato lo scorso anno una battaglia dagli esiti insanabili (ma non risulta sia mai uscita dal partito o ne sia mai stata sospesa) e quella di Corsi entrambi sostenuti, in parte, dal centrosinistra, si aggiunge ora quella di Giulio Conti (sempre di area Pd anche se era presente alla prima riunione di Italia Viva) che fa appello alle associazioni e ai civici. Il tutto in attesa che a sinistra decidano il da farsi la Federazione dei Verdi, Cives, Riformismo Progresso e Libertà, Rifondazione Comunista, Pci ecc, che stanno lavorando a un progetto comune. In attesa inoltre delle decisioni di Emanuela Maliziola e Gianni Querqui che stanno lavorando a un altro progetto (se poi qualcuno di questi progetti potranno unirsi o meno è presto per dirlo). Si ipotizza con una certa concretezza, insomma, una costellazione di candidature a sindaco (e di liste a supporto) tutte da attribuire a vari livelli alla sinistra e al centrosinistra più varie trasversalità. Il centrodestra ha già proposto la candidatura unitaria del sindaco uscente, Caligiore.

Di seguito il testo della nota di Conti:

“Dopo aver svolto per 4 anni e mezzo circa un duro lavoro di opposizione alla destra sovranista guidata dal sindaco Roberto Caligiore, nella mia qualità di consigliere comunale e capogruppo del Partito Democratico, sento il dovere di continuare a rappresentare il popolo ceccanese, fedele al mio impegno ed alla tradizione politica del centro sinistra, che ho sempre onorato e rappresentato in modo fiero.

Nell’ultimo consiglio comunale ero l’unico rappresentante del centro sinistra ad essere stato eletto non per passaggio diretto da candidato Sindaco. Non è un caso, infatti, che alcuni compiano questo passo soltanto per essere eletti in consiglio comunale, senza dimettersi una volta usciti sconfitti dalla competizione elettorale.

Le numerose iniziative portate avanti in questi anni su temi quali l’inquinamento ambientale e la salute dei cittadini, la trasparenza amministrativa, la valorizzazione del patrimonio storico artistico, la difesa del 25 aprile e dei valori sanciti dalla Carta Costituzionale come la libertà di pensiero oscurata dalla delibera “bavaglio” n. 66, hanno rappresentato l’80% circa delle interrogazioni ed interpellanze presentate all’assise e non sono disposto a lasciare questa “eredità” e determinati valori in cui credo fermamente, in pasto a chi fino a ieri festeggiava le sue vittorie politiche cantando “faccetta nera”.

Io continuerò ad avere altri riferimenti politici ed a cantare “Bella Ciao”, simbolo delle lotte partigiane, della Resistenza e delle sofferenze patite dai nostri avi a fronte delle persecuzioni nazi-fasciste ad essi inflitte.

Fin dal 2002, la mia esperienza politico-amministrativa ed il mio impegno, hanno già  portato a Ceccano, nel corso degli anni, benefici quali circa 20 milioni di euro, traducibili in 45 alloggi popolari, di cui 25 già consegnati.

La realizzazione di altri 20 alloggi in zona PEEP.

La promozione delle linee guida per la stesura di un nuovo Piano Regolatore per la città, con incontri e dibattiti tra le categorie professionali, associazioni e cittadini. L’accordo fatto con la società S.G.I. per le opere compensative a seguito del passaggio sul territorio comunale del gasdotto, con 6 Km di rete fognaria e la sistemazione di strade in zona “Badia – Maiura”.

Finanziamenti per la realizzazione, sistemazione ed illuminazione di strade in zona Vigne Vecchie, San Pietro, Colle Leo e Scifelli.

Finanziamenti per il Castello dei Conti.

Occorre presentare ai cittadini un progetto alternativo al fallimento di Caligiore e dei suoi alleati, ma soprattutto di esperienza amministrativa, poiché è inammissibile che il quinto Comune più grande della provincia, sia lasciato in balia di persone inesperte, egocentriche o che hanno già fallito.

Si rende necessario un alto senso di responsabilità e di rispetto verso i cittadini, per questo chiedo ai movimenti, alle liste civiche, i partiti ed i consiglieri comunali che hanno condiviso con me il percorso fatto tra i banchi della minoranza, collaborazione ed impegno per il bene della nostra città.

E’ per questo che mi candido a rappresentare la comunità di Ceccano, come già annunciato due anni orsono in consiglio comunale, per ridare lustro a questa bellissima città, portando avanti con forza, coraggio e tenacia, elementi che più mi contraddistinguono, tutti quei temi che ho a cuore: sanità, ambiente, valorizzazione storico-culturale, commercio, urbanistica, sviluppo sostenibile, impegno sociale. Saranno queste le priorità della mia campagna elettorale.

Giulio Conti

Candidato Sindaco – Elezioni amministrative 2020″

 

Dario Facci on BloggerDario Facci on FacebookDario Facci on Youtube
Dario Facci
Direttore at Pertè Online
Dario Facci è un giornalista e un fotografo, ha iniziato nella rivista mensile “Lo Stato delle Cose” e ha lavorato presso RTM RadioTeleMagia, RTM Televisione, TVN Televisione, Lazio Tv. Ha diretto Ciociaria Oggi, l’edizione frusinate de L’Opinione, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Perté Magazine, Il Regionale, La Provincia Quotidiano.

E’ attualmente direttore di Perté Week, Perté Online e Radio Pertè. Ha collaborato con L’Unità, La Repubblica, Sinistra Europea, Qui Magazine, To Be, Ciociaria Turismo. Sue fotografie sono state pubblicate su Ciociaria Oggi, La Repubblica, L’Unità, iI Tempo, La Gazzetta del Mezzogiorno, Novi Listi Glas Istri (Croazia), Primer Acto (Spagna), Village Voice (Stati uniti d’America), La Maga (Cile), To Be, Qui Magazine, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Pertè Magazine, Perté Week