ALATRI, CITTADINANZA ONORARIA A DUE PERSONAGGI ILLUSTRI

Su proposta del sindaco  Giuseppe Morini, il presidente del Consiglio comunale Fausto Lisi ha convocato una seduta straordinaria della massima assise cittadina per la giornata di sabato 13 febbraio alle ore 11. Due i punti all’ordine del giorno. Dopo la discussione su interrogazioni, mozioni e interpellanze si svolgerà  la cerimonia di conferimento della cittadinanza Onoraria a don Domenico Pompili, Vescovo della Diocesi di Rieti e al notaio Carlo Fragomeni. La seduta del Consiglio comunale potrà essere seguita in diretta streaming sul sito istituzionale del Comune di Alatri. Riguardo al notaio Fragomeni, va ricordato che il professionista di origine cosentina nel 2000 ha acquistato una parte della Badia di San Sebastiano, e successivamente ha fondato un sodalizio denominato “L’Abbadia”, nata con lo scopo della conservazione e l’utilizzo dinamico del monumento, per l’ elevazione del livello culturale del territorio. La famiglia Fragomeni ha impiegato cospicui capitali privati per rendere la Badia accessibile, funzionale allo scopo, e sono state promosse manifestazioni culturali; dalla presentazione di libri, all’accoglienza dei pellegrini della “Via Benedicti”.  Circa l’onorificenza al neo-vescovo di Rieti don Domenico Pompili, il prelato è stato il parroco di San Paolo ad Alatri, per gli alatrensi semplicemente “il Parroco di Civita”.  Proprio in questo periodo don Domenico è riuscito a creare nell’ambito del suo ministero un rapporto di fraterna stima e amicizia non solo con i suoi fedeli, ma con tanti cittadini. Nel 2007, don Domenico è stato direttore dell’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali della Conferenza Episcopale Italiana. Anche negli anni successivi, seppure oberato da altri impegni,  ha curato il suo rapporto con la città, onorandola con la sua presenza in significative occasioni e facendo visite frequentissime ai numerosi amici.

CONDIVIDI