CASSINO, BIANCHI (SEL): 20 MILIONI PER I NUOVI SERVIZI DELL’UNIVERSITA’ IN DUE ANNI

<Condivido il richiamo del Rettore Giovanni Betta che con il suo “basta paura” ha voluto ricordare a studenti, docenti e Istituzioni che l’Università di Cassino ha tutte le carte in regola per competere a livello internazionale ed avere un ruolo decisivo nello sviluppo del Lazio>. Sono le parole di Daniela Bianchi, consigliera regionale del gruppo SEL-SI alla Regione Lazio e vice-Presidente della Commissione Istruzione e Diritto allo Studio del Consiglio Regionale del Lazio in occasione della cerimonia di inagurazione del 37° anno accademico dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale. Eccellenti i numeri vantati dall’Ateneo cassinate: 19 progetti europei di ricerca e 91 di interesse nazionale, la partecipazione a diverse cordate della “Call for Proposal” della Regione Lazio e l’attiva collaborazione con il gruppo Fca. <Come Regione con il progetto “Porta Futuro Network University” rafforzeremo il rapporto tra territorio, imprese e Ateneo – ha aggiunto Daniela Bianchi – Si tratta di strutture inaugurate in questi mesi in 7 Università del Lazio, tra cui Cassino,  e pensate per mettere in contatto gli studenti con il mondo del lavoro. Tra il 2016 e il 2018 saranno investiti circa 20 milioni di euro per servizi di accoglienza, orientamento, bilancio delle competenze, formazione, consulenza per lo start up di impresa e tutta una serie di eventi per il recruiting, l’innovazione e la competitività. A cui aggiungono gli oltre 100 milioni di euro che entro il 2020  la Regione investirà sulle startup, gli spin off di ricerca e le imprese innovative>.