Frosinone: Assemblea di Articolo 1 e Mdp, D’Alema lancia il nuovo soggetto politico della Sinistra

Una nuova rotta per la Sinistra e il Centrosinistra italiani, capace di ricomporre uno schieramento progressista più attento al sociale, ai soggetti deboli, al mondo del lavoro. Una rotta alla quale la maggioranza del Partito Democratico sembra avere rinunciato, preferendo calcare l’acceleratore sulla strada neoliberista imboccata dell’ex premier Renzi. L’onorevole Massimo D’Alema, da esperto timoniere, ha orientato a Frosinone la bussola del nuovo soggetto politico nato dalla Costituente di Articolo Uno e del Movimento Democratico Progressista.

Di fronte alla folta platea che riempiva la sala conferenze dell’Hotel Cesari, l’ex presidente del Consiglio ha acceso gli animi dei presenti proponendo un’analisi articolata e puntuale degli errori attribuiti a Matteo Renzi e al suo governo. D’Alema, infatti, non ha risparmiato durissime critiche alle recenti scelte economiche dell’Esecutivo guidato dal segretario uscente del Pd, che avrebbero privilegiato soprattutto i grandi gruppi industriali e le banche, impoverendo il Paese con uno spaventoso aumento dei nuovi poveri o rendendo precaria e senza tutele l’occupazione attraverso il jobs-act.

Un discorso, quello dell’ex presidente del Consiglio, seguito con attenzione e applaudito dal pubblico, che prima delle parole del leader aveva ascoltato i rappresentanti di Articolo Uno e Mdp, i quali hanno annunciato ufficialmente il loro sostegno al candidato sindaco del Capoluogo, Fabrizio Cristofari presente in sala e che aveva rivolto un caloroso saluto a D’Alema.

Dunque, una convention ricca di fermenti quella della neonata aggregazione politica, il cui percorso dovrà comunque passare attraverso un confronto con le altre forze del Centrosinistra frusinate e ciociaro, prima fra tutte il Partito Democratico.