Crolli di ponti e cavalcavia, Magliocchetti chiede all’Astral di verificare tutte le strutture in provincia di Frosinone

Il consigliere provinciale e comunale di Forza Italia Danilo Magliocchetti ha inviato una lettera all’Astral. l’Azienda Strade Lazio, chiedendo una verifica di ponti e cavalcavia in provincia di Frosinone.

Nel documento, Magliocchetti  richiama l’attenzione dell’azienda <sui troppi crolli di ponti stradali verificatisi in Italia nel recente periodo. L’ultimo in ordine di tempo, consumatosi con il cedimento di una parte della costruzione della tangenziale di Fossano, che soltanto per un caso non si è trasformato in tragedia>. Come è noto l’Astral gestisce circa 1.500 Km di rete stradale in tutto il Lazio, con compiti di progettazione, costruzione, gestione e vigilanza sulla rete viaria regionale e una parte significativa di questa rete è presente in provincia di Frosinone, per esempio la Sr 82 Valle del Liri, la Sr 155 di Fiuggi, la Sr 156 Monti Lepini, la Sr 666 di Sora la Sr 6 Casilina e la Superstrada Sora-Frosinone.
<Su tutti questi chilometri di strade – continua il consigliere di FI – oltre a transitare quotidianamente migliaia di veicoli leggeri e pesanti, sono presenti decine di ponti o cavalcavia di collegamento. L’Amministrazione Provinciale di Frosinone, a causa degli insensati e penalizzanti tagli ai trasferimenti da parte del Governo centrale e prescindendo dalle gestioni di sua competenza, non può comunque effettuare autonomamente attività di particolare manutenzione viaria o di monitoraggio.
Per questo, con lo scopo di evitare che anche nella nostra provincia si verifichino cedimenti strutturali di ponti, cavalcavia o viadotti con effetti drammatici, come purtroppo è accaduto in varie parti d’Italia, nella consapevolezza che anche per Astral le risorse finanziarie disponibili sono assolutamente insufficienti, sarebbe comunque opportuno organizzare verifiche statiche sui ponti di collegamento presenti in provincia di Frosinone di competenza dell’Azienda.
E’ chiaro- conclude Magliocchetti – che sarà possibile raggiungere un graduale innalzamento dello standard qualitativo dell’intera rete viaria regionale, nel medio e lungo periodo, soltanto con l’attuazione di una manutenzione straordinaria programmata, oltre che con risorse adeguate. La sicurezza sulle strade, infatti, deve essere un obiettivo comune per tutte le pubbliche Amministrazioni, come richiesto in più occasioni anche dall’Onu e dalla Ue e come hanno dimostrato ampiamente le cronache nazionali recenti>.