Sora: Ospedale senza condizionatori, la denuncia di Quadrini

“Una situazione intollerabile nel nosocomio sorano che non appartiene a una Nazione civile. Non si può andare avanti in queste condizioni disumane con le temperature africane che non accennano a diminuire. E’ assurdo vedere i parenti dei pazienti costretti a portare i condizionatori da casa per fronteggiare un caldo torrido che sta mettendo in pericolo personale e malati, senza che nessuno faccia nulla. E’ necessario intervenire prima che succeda l’irreparabile”.

Lo afferma il consigliere provinciale capogruppo di Forza Italia e presidente della XV Comunità montana Gianluca Quadrini, che interviene sul problema della mancanza di condizionatori in alcune stanze dell’ospedale  “Ss. Trinità” di Sora, dove addirittura sono stati registrati in questi giorni fino a 52 gradi.

“Per l’ennesima volta – prosegue Quadrini – si torna a parlare dell’ospedale di Sora in termini negativi per segnalare un disservizio gravissimo che costringe i pazienti con gravi patologie a patire l’afa. Umanizzare le cure significa anche rendere, durante i mesi più caldi, la permanenza di un paziente più sopportabile: essere malati e sudare per il caldo nella stanza o nel corridoio può comportare enormi rischi per il degente. Non è accettabile in un Paese civile lasciare i pazienti e i loro parenti senza aria condizionata con queste temperature. Quella della provincia di Frosinone – conclude il capogruppo provinciale di FI – è una sanità da Terzo mondo e i cittadini sono costretti sempre di più a fare i conti con disservizi dovuti all’indifferenza di un’Amministrazione regionale inerte. Infati, al depotenziamento degli ospedali ciociari è corrisposto il fallimento del progetto zingarettiano delle Case della Salute, scatole vuote quanto dispendiose”.