Frosinone: Siriano investito volontariamente, denunciato un albanese

Le indagini serrate e tempestive della Polizia hanno portano a individuare l’ autore dell’investimento volontario avvenuto il 14 agosto ai danni di un siriano 43enne. Questi i fatti. Verso le 17.30 di lunedì scorso giunge sulla linea di emergenza del 113 la segnalazione dell’investimento di un uomo nella zona della stazione ferroviaria a Frosinone.

All’arrivo sul posto degli uomini delle Volanti, coordinati dal commissario capo Flavio Genovesi, l’investito, un siriano di 43 anni titolare di un esercizio commerciale poco distante, è stato appena trasportato in ospedale. Vengono quindi acquisite dai poliziotti le testimonianze delle persone presenti. Emerge che poco prima, mentre l’uomo era intento a riporre alcune borse nella sua macchina, veniva colpito violentemente da un’auto all’altezza delle gambe. Subito dopo, il conducente dell’auto cercava di colpire nuovamente  il suo bersaglio ingranando la  retromarcia a forte velocità, ma questa volta la vittima riusciva a evitare l’impatto trovando riparo tra i veicoli in sosta.

La pista investigativa seguita dagli agenti della Squadra Volante e della Squadra Mobile, con l’ausilio della Polizia Stradale, in seguito alle testimonianze oltre che all’acquisizione delle immagini dell’impianto di videosorveglianza cittadino, ha portato a identificare il colpevole nel giro di poche ore. L’autore del folle gesto è un albanese di 29 anni, già noto alle forze dell’ordine, che dovrà rispondere del reato di lesioni personali. La vittima, invece, ha riportato lesioni giudicate guaribili in 30 giorni. Il movente dell’investimento è attualmente al vaglio degli investigatori.