Frosinone: Prostitute nel mirino della Polizia, controlli e multe. Furto di uno smartphone, due denunce

A Frosinone, nelle ore pomeridiane e serali di ieri sono stati effettuati, in ambito provinciale, servizi mirati di controllo per il contrasto della prostituzione su strada. I poliziotti delle Volanti della Questura, insieme al personale della Squadra Mobile, dell’Ufficio Immigrazione e della Polfer di Frosinone, hanno intensificato la loro attività nei pressi dell’Asse attrezzato del Capoluogo dove hanno sanzionato, come previsto dalla specifica ordinanza sindacale, tre donne dedite al meretricio e due clienti, mentre una cittadina albanese è stata espulsa dal territorio nazionale. I poliziotti hanno poi identificato cinque cittadini campani nei cui confronti è stato emesso il foglio di via obbligatorio.

Gli agenti delle Volanti della Questura hanno anche denunciato per furto aggravato in concorso un romeno e un albanese, i quali avevano sottratto un cellulare dal furgone di un commerciante di frutta del Capoluogo. Al termine della giornata lavorativa, un albanese residente ad Alatri si è recato con il proprio furgone nel negozio di frutta gestito dalla moglie e, dopo aver parcheggiato il mezzo,  è entrato nel locale. Proprio in quel momento i due denunciati hanno aperto la portiera del furgone e si sono impossessati di uno smartphone, dandosi subito alla fuga a bordo di un’auto. Giunti sul posto, i poliziotti hanno effettuato i rilievi di rito ed esaminato anche i filmati dell’impianto di video sorveglianza. I successivi accertamenti  hanno consentito di rintracciare, identificare e denunciare i due stranieri per furto.