Piglio: Pretende 400 euro per restituire un Iphone smarrito, 24enne arrestato dai carabinieri

immagine di repertorio

Nella serata di ieri, i carabinieri della Stazione di Acuto, nel corso di uno specifico servizio di polizia giudiziaria, hanno tratto in arresto per estorsione un 24enne residente a Piglio, già censito per reati contro la persona e contro il patrimonio, attualmente sottoposto al regime degli arresti domiciliari per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e per violazione degli obblighi imposti dall’Autorità giudiziaria.

Il giovane infatti, venuto in possesso di uno smartphone Iphone 7, smarrito due giorni prima da un 21enne di Acuto, ha rivolto a quest’ultimo una richiesta estorsiva, pretendendo per la restituzione del cellulare la somma di 400 euro e minacciandolo anche di morte nel caso avesse presentato denuncia alle Forze di Polizia.

Per nulla intimidito dalle minacce ricevute, la vittima dell’estorsione ha presentato una formale denuncia alla Stazione dei carabinieri che ha predisposto un adeguato servizio, procedendo all’arresto in flagranza di reato del 24enne. Lo smartphone recuperato è stato restituito al legittimo proprietario, come il denaro versato per la sua restituzione. L’Iphone, grazie a un’accurata perquisizione, è stato rinvenuto nascosto all’interno dell’armadio della camera da letto dell’arrestato. Il giovane, al termine delle formalità di rito, è stato trattenuto presso la camera di sicurezza della Compagnia carabinieri di Anagni, in attesa del rito direttissimo disposto dall’Autorità giudiziaria.