Anagni: Termocombustore alla Marangoni, il Coordinamento Ambiente presenta il ricorso al Tar

I comitati e le associazioni del Coordinamento Ambiente di Anagni e del territorio informano la popolazione di essere impegnati nel ricorso al Tar del Lazio contro la riattivazione del termocombustore alla Marangoni, autorizzata dalla Determinazione regionale del 27/07/2017.

“Il provvedimento regionale già grave in sé – dichiara il Coordinamento Ambiente in una nota – lo è ancor di più perché riguarda un territorio con un tasso di inquinamento così elevato da essere incluso tra i principali Siti nazionali (Sin) da sottoporre a bonifica. Inoltre, tale decisione non ha tenuto in alcun conto l’opposizione dichiarata dal Comune di Anagni alla richiesta della Marangoni in sede di Conferenza dei Servizi, nella quale sono state completamente ignorate le ampie e articolate osservazioni prodotte dai Comitati e dalle Associazioni. Pertanto – prosegue il documento – i comitati e le associazioni Anagni Viva, Retuvasa, Das, Comitato Osteria della Fontana, Comitato San Bartolomeo, Comitato 14 luglio, Comitato Residenti Colleferro, assistiti dall’avvocato Vittorina Teofilatto del Foro di Roma, hanno predisposto specifiche e documentate osservazioni di carattere scientifico-tecnico e altrettante argomentazioni di carattere giuridico che espongono le ragioni di opposizione alla delibera regionale”.

Tutto questo, conclude il Coordinamento Ambiente, “considerando anche le conseguenze che il riavvio dell’ impianto avrebbe sulle condizioni ambientali e sanitarie del territorio e della popolazione residente, già gravemente compromesse. Anche il Comune di Anagni intende presentare il ricorso al Tar e lo faranno altre associazioni del territorio quali Legambiente Lazio e il Circolo di Anagni che si presenterà a sostegno del ricorso dell’Amministrazione”.