Cassino: Carabinieri in azione sul territorio contro furti e rapine. Un arresto, denunce e fogli di via

Il Comando della Compagnia carabinieri di Cassino, sotto il coordinamento del superiore Comando Provinciale di Frosinone, per imprimere una più incisiva ed efficace azione preventiva-repressiva nel contrasto dei reati in genere, in particolare di furti e rapine nelle abitazioni e negli esercizi commerciali, ha incrementato la sorveglianza nei centri abitati e nelle zone periferiche dei Comuni della giurisdizione.

In tale contesto, a Cassino, i militari della locale Stazione hanno arrestato, in esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare, un 18enne partenopeo già censito per reati in materia di stupefacenti. Il giovane è stato rintracciato mentre si aggirava per il centro abitato della città e in seguito a un controllo è risultato colpito da un’ordinanza di custodia cautelare emessa nei suoi confronti dal Gip del Tribunale per i Minorenni di Napoli, poiché ritenuto responsabile del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Reato commesso in provincia di Napoli negli anni 2016 e 2017, in concorso con altre persone tratte in arresto ieri mattina nell’area partenopea. Dopo le formalità di rito, il 18enne è stato accompagnato presso una comunità sita a Somma Vesuviana, come disposto dall’Autorità giudiziaria mandante del provvedimento.

A Piedimonte San Germano, invece, sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Cassino, per inosservanza del foglio di via obbligatorio, un 41enne e un 30enne entrambi residenti a Napoli e già allontanati con il medesimo provvedimento da vari Comuni italiani, in quanto controllati mentre si aggiravano con atteggiamento sospetto presso le automobili parcheggiate nel piazzale antistante un noto centro commerciale del luogo. Inoltre, sono stati proposti per la stessa misura di prevenzione un 31enne e un 24enne già censiti per i reati di ricettazione, truffa e porto di oggetti atti a offendere, intercettati mentre si aggiravano nei pressi di attività commerciali del paese senza giustificato motivo.

Anche a Picinisco, i militari della locale Stazione, hanno proposto l’irrogazione del foglio di via obbligatorio un 43enne e un 31enne, già censiti per resistenza a Pubblico ufficiale, ricettazione e altro, poiché venivano controllati mentre si aggiravano con fare sospetto nei pressi di abitazioni isolate.

Nel corso dello stesso servizio sono state controllate 11 persone sottoposte agli arresti domiciliari e alla sorveglianza speciale; identificate 93 persone; controllati 85 veicoli; elevate 8 contravvenzioni al Codice della Strada; eseguite 9 perquisizioni personali, veicolari e locali.