Sora: Operazione dei carabinieri “Periferie sicure”, un argine ai reati connessi alla droga

SONY DSC

Va a segno l’operazione dell’Arma “Periferie sicure”. Dal tardo pomeriggio di domenica fino alle prime luci dell’alba di ieri, 21 gennaio, i carabinieri della Compagnia di Sora, coadiuvati dai colleghi del Nucleo dell’Ispettorato del Lavoro di Frosinone, del Nucleo Antisofisticazioni di Latina, nonché delle Compagnie Intervento Operativo del 10° Reggimento “Campania” e del 14° Battaglione “Calabria”, sono stati impegnati in un servizio straordinario di controllo del territorio predisposto dal Comando Provinciale per prevenire e reprimere i reati connessi al fenomeno della “movida”, oltre a controlli di natura amministrativa presso gli  esercizi commerciali.

Nel corso dell’operazione “Periferie sicure” a Monte San Giovanni Campano sono stati denunciati a piede libero due trentenni del luogo per evasione. Entrambi erano sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, ma al momento del controllo non sono stati trovati in casa poichè si erano allontanati senza autorizzazione.

A Isola Liri, invece, i militari del Nucleo dell’Ispettorato del Lavoro di Frosinone, durante il controllo di un esercizio commerciale, hanno rilevato alcune anomalie relative alla videosorveglianza e nei confronti della società adibita alla vigilanza circa l’impiego del personale, procedendo alle sanzioni del caso. Sempre a Isola Liri, i carabinieri del Nas di Latina, in seguito a un’ispezione igienico-sanitaria eseguita presso un noto locale della zona, hanno accertato l’assenza degli apparecchi per la rilevazione del tasso alcolico a disposizione dei clienti presso l’uscita del locale, nonché delle tabelle con la descrizione dei sintomi correlati ai diversi livelli di concentrazione alcolica, delle quantità espresse in centimetri cubici delle bevande più comuni che determinano il superamento del tasso alcolico per la guida in stato di ebbrezza. In relazione alla documentazione esibita durante il controllo, i militari si sono riservati ulteriori verifiche.

Ancora nella Città delle cascate sono stati controllati dagli uomini dell’Arma tre campani, già censiti per reati contro il patrimonio, che si aggiravano senza giustificato motivo nei pressi di obiettivi sensibili e abitazioni isolate del luogo. A carico dei tre è stata avanzata la proposta del rimpatrio con Foglio di via obbligatorio e divieto di ritorno a Isola Liri per 3 anni.

Infine, sono state segnalare numerose persone controllate in diversi locali e nelle stradine dei centri storici di Isola Liri e Sora, quali assuntori di sostanze stupefacenti, poiché trovati in possesso di droga, successiamente sequestrata. Si tratta di un minorenne di Sora, trovato in possesso di grammi 5,40 di hashish; di un 30enne di Monte San Giovanni Campano, trovato in possesso di una dose di cocaina; di un 40enne di Strangolagalli, trovato in possesso di una dose di crack; di un 30enne di Sora, trovato in possesso di una dose di cocaina; di un 25enne di Sora, trovato in possesso di una dose di crack; di un 40enne di Cassino, trovato in possesso di una dose di hashish; di un 30enne di Isola Liri, trovato in possesso di due dosi di cocaina: di un 30enne di Sora, trovato in possesso di una dose di hashish; di un 41enne di Isola del Liri, trovato in possesso di due dosi di crack; di un minorenne di Sora, trovato in possesso di una dose di marijuana.

Invece, durante i controlli della circolazione stradale sono state sorprese tre persone, alla guida dei rispettivi automezzi, in evidente stato di ebbrezza dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche o stupefacenti. I tre, pertanto, sono stati denunciati in stato di libertà con il conseguente ritiro delle patenti e il sequestro dei mezzi. L’imponente dispositivo, che ha visto l’impiego di 38 militari e 16 automezzi, ha premesso altresì di: controllare 106 veicoli; 194 persone; di elevare 10 contravvenzioni al Codice della Strada con la rimozione forzata di auto parcheggiate nei modi e nei luoghi più assurdi; di controllare 4 esercizi pubblici.

CONDIVIDI