Cassino – Primarie affollate a sinistra per reagire allo shock Petrarcone mentre la Lega tenta di “cucire” il centrodestra

Il Comune di Cassino

Una giornata particolare a Cassino. Qui non si parla di elezioni provinciali (domani si vota per il rinnovo del Consiglio a Palazzo Iacobucci, ma Cassino non vota causa caduta del governo locale) si parla e tantissimo di quelle Comunali. Grande affluenza alle urne del primarie del centrosinistra che si stanno svolgendo dalle otto di questa mattina e si concluderanno questa sera. Si conoscerà in tarda serata o nella notte, dunque, il nome del candidato del centrosinistra. Ma la costruzione degli assetti per le elezioni comunali, questa volta, supera la tradizione che vuole una fase sempre molto turbolenta. Shock nel centrosinistra dopo lo strappo dell’ex sindaco Giuseppe Golini Petrarcone, il quale, vistosi rifiutato, è uscito fuori dalla sua stessa area e ne ha creata un’altra, civica ma neanche tanto, laddove ha trovato una simbiosi con Niki Dragonetti, che è il responsabile in zona dello Scarpone di Pirozzi, centrodestra netto. Cuore infranto per molti che oggi si stanno recando alle urne per consumare le primarie, e scegliere tra Enzo Salera, Sara Grieco e Luigi Maccaro. I primi due dem il terzo esponente di spicco dell’attivismo sociale e solidale. Chiunque sia il vincitore, dunque il candidato a sindaco del centrosinistra, se la dovrà comunque vedere con un avversario molto scomodo nella figura dell’ex leader, Petrarcone.

Un favore che Peppino, così è noto a Cassino, ha fatto al centrodestra, che di nomi ufficialmente non ne ha pronunciato ancora neanche uno ma che si vede rinvigorito dalle spaccature degli avversari dopo il naufragio del suo governo cittadino andato a casa anticipatamente.

In primo piano, questa volta c’è la Lega alla quale sembra attribuito il compito di trainare e di fornire un volto alla candidatura. Ma non solo, c’è il problema di costruire un sistema politico di vera alleanza che non c’è. Lo sa bene l’on. Francesca Gerardi che è stata mandata a cucire i rapporti tra i partiti e tra questi e l’area civica. Non facile il compito di parlare con tutti, con i tempi stringenti e una posta molto alta in palio.

Dario Facci on BloggerDario Facci on FacebookDario Facci on Youtube
Dario Facci
Direttore at Pertè Online
Dario Facci è un giornalista e un fotografo, ha iniziato nella rivista mensile “Lo Stato delle Cose” e ha lavorato presso RTM RadioTeleMagia, RTM Televisione, TVN Televisione, Lazio Tv. Ha diretto Ciociaria Oggi, l’edizione frusinate de L’Opinione, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Perté Magazine, Il Regionale, La Provincia Quotidiano.

E’ attualmente direttore di Perté Week, Perté Online e Radio Pertè. Ha collaborato con L’Unità, La Repubblica, Sinistra Europea, Qui Magazine, To Be, Ciociaria Turismo. Sue fotografie sono state pubblicate su Ciociaria Oggi, La Repubblica, L’Unità, iI Tempo, La Gazzetta del Mezzogiorno, Novi Listi Glas Istri (Croazia), Primer Acto (Spagna), Village Voice (Stati uniti d’America), La Maga (Cile), To Be, Qui Magazine, Accademia del Buongustaio, Numero Zero, Pertè Magazine, Perté Week