Cassino – Sanità, Ciacciarelli interroga Zingaretti per l’assistenza domiciliare

Pasquale Ciacciarelli

Cassino – “Ho presentato un ‘interrogazione a Zingaretti per sottoporgli una questione che mi sta molto a cuore, ossia il funzionamento del servizio di assistenza domiciliare nel distretto D della ASL di Cassino”. Esordisce così la nota del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli e continua:”Dico questo perché nel giugno scorso, una signora malata di Alzheimer, incapace di deambulare, ma anche di alimentarsi da sola e finanche di parlare, dopo oltre un mese di degenza presso l’ospedale Santa Scolastica di Cassino, è stata dimessa, considerato lo stato avanzato della malattia e rimandata a casa. Il 4 di luglio i suoi familiari hanno chiesto alla ASL l’attivazione del servizio di assistenza domiciliare, cosa che, dopo diversi giorni non avveniva, tanto ché i familiari si sono visti costretti a recarsi presso il CDA di Cassino per chiedere spiegazioni. Gli è stato risposto che il personale è carente, e quello che c’è deve servire ben 19 comuni. Soltanto dopo l’invio di una richiesta scritta il servizio è stato attivato. Il caso descritto non è affatto isolato, sono diverse, infatti, le famiglie che lamentano ritardi nell’assistenza. Inoltre mi è stato segnalato che il servizio sanitario non rimborsa le sanitarie a prezzi correnti di mercato, lasciando in difficoltà chi non ha disponibilità economiche. Chiedo a Zingaretti, dunque, se tutto ciò è veritiero, e di conoscere quali progetti intenda mettere in campo per potenziare, in termini di risorse umane e non solo, il servizio di assistenza domiciliare del Distretto D della ASL di Cassino, perché è chiaro che molte cose non vanno e bisogna intervenire tempestivamente! Io sono dalla parte della gente.”

Cinzia Cerroni