Centrodestra – Il vice coordinatore regionale Quadrini (FI) agli alleati: “Basta umiliazioni!”

Gianluca Quadrini

Centrodestra – Il Vice coordinatore regionale di Forza Italia, Gianluca Quadrini, torna a tuonare all’indirizzo degli alleati (o presunti tali) della provincia di Frosinone. Chiede che venga presto convocato il tavolo della coalizione che, evidentemente, Lega e Fratelli d’Italia stentano a organizzare. C’è da dire che in provincia di Frosinone, alla quale principalmente si riferisce Quadrini, c’è il “problema” di “Cambiamo!”, l’organizzazione che si rifà al Toti e che nel Frusinate ha raccolto tutti gli ex maggiorenti del partito di Frosinone, organizzazione che è anche in forte polemica con Forza Italia (tanto per usare un eufemismo). Ecco cosa scrive Quadrini:

“Si fa un gran parlare della necessità di ripartire da un centrodestra unito, molto radicato nell’elettorato. Soprattutto in provincia di Frosinone. Poi però il tavolo della coalizione non si riunisce. Non so quante volte ho sollecitato un passo del genere. Qui non si tratta di non rendersi conto che gli equilibri e i rapporti di forza sono cambiati. E’ evidente, lo sappiamo pure noi. Ma sappiamo anche che in Ciociaria il peso di Forza Italia è maggiore rispetto alla media nazionale. Nel 2020 non ci saranno soltanto le elezioni comunali in 7 paesi della nostra provincia. Con ogni probabilità ci saranno anche le elezioni politiche anticipate e, a ruota, le regionali. Allora colgo l’occasione per lanciare l’ennesimo appello agli alleati della Lega e di Fratelli d’Italia, ai deputati Francesco Zicchieri e Francesca Gerardi e al senatore Massimo Ruspandini. Riuniamoci presto, ma oltre all’unità e allo spirito di squadra (che sinceramente considero scontati), mettiamo sul tavolo anche la pari dignità. Cosa significa pari dignità? Significa che nel rispetto di quelli che sono gli attuali equilibri, nessuno può essere ridimensionato o, peggio, umiliato. Forza Italia ha ancora la maggioranza dei sindaci del centrodestra su questo territorio, nel capoluogo esprime il presidente del consiglio comunale Adriano Piacentini. Per non parlare dei due consiglieri provinciali: il sottoscritto e Gioacchino Ferdinandi. Lo schema deve essere unico e globale. Nel senso che non è che possiamo decidere di andare uniti in un Comune e divisi in un altro. Senza perdere di vista quello che succederà a livello nazionale, dove la pseudo maggioranza giallorossa si prepara a cambiare nuovamente la legge elettorale, andando nella direzione di un proporzionale corretto. Un sistema che andrebbe in ogni caso a sottolineare le specificità di ogni singolo partito. In provincia di Frosinone dobbiamo avere il coraggio di volare più alto e di mettere in campo una coalizione unita e granitica in vista dei prossimi appuntamenti. A prescindere dai sistemi elettorali che verranno utilizzati. Ma mai si riunirà il tavolo provinciale, mai riusciremo concretamente a fare questo. Il tempo sta passando e noi dobbiamo darci una mossa.

Cinzia Cerroni