Fca – Buone notizie sul fronte Maserati, a Piedimonte 800milioni d’investimenti

Il presidente del Consiglio regionale, Mauro Buschini e il Vice Presidente della Regione, Daniele Leodori, esprimono la loro soddisfazione

Fca, nuova conferma del piano annunciato a novembre 2018. Buone notizie anche per Cassino. Buone notizie sul fronte Maserati, preannunciate il 29 novembre 2018: vi sarà una nuova tranches di investimenti su Modena, Cassino e il Polo di Torino. Investimenti da 1,5 miliardi.

Modena sta già partendo con una vettura sportiva elettrica e tradizionale che rimpiazzerà Gran Cabrio e Gt. Torino: in partenza nuovi investimenti, nuova Gran Cabrio e nuova Gran Turismo prodotta in versione ibrida ed elettrica. Si conferma Torino su motorizzazioni elettriche insieme a nuova 500 elettrica. Rinnovamento Levante, Ghibli e 4 porte con ibrida (800 milioni).

Cassino: nel primo trimestre del 2020 nuovo Suv per Maserati su stessa piattaforma Alfa Giulia e Stelvio che sarà anche ibrida ed elettrica. Gli investimenti confermano il piano annunciato nel novembre 2018, dentro i 5 miliardi di di investimenti fino al 2021.

Il 90% del piano va in realizzazione e con esso gli investimenti annunciati e la completa elettrificazione e ibridazione di tutta la gamma.

“La notizia degli investimenti FCA sullo stabilimento di Piedimonte San Germano è senza dubbio positiva e dà una prospettiva nuova al periodo grigio che sta vivendo il sito FCA e lo straordinario indotto che ruota intorno alle produzioni di auto”. Scrive in un comunicato il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mauro Buschini.

“Il pieno rispetto del Piano industriale 2019-2021 presentato quasi un anno fa da FCA è quanto auspicato da tutti e in particolare da chi segue ogni giorno con grande attenzione le dinamiche dello stabilimento e la crisi che stanno vivendo imprese e tante famiglie di un’area che è strategica per la provincia di Frosinone e per il Lazio. La produzione di nuovi modelli Maserati e gli 800 milioni di euro di investimenti – aggiunge Buschini – previsti da FCA su Piedimonte con nuove linee di fascia alta e di grande innovazione, faranno del polo di Cassino un’eccellenza nell’industria dell’automotive europea. Il Consiglio regionale, tuttavia, continuerà a seguire con la stessa attenzione la situazione dello stabilimento su cui siamo preoccupati per la nuova cassa integrazione prevista nel mese di ottobre, ben 9 giorni, che temiamo – conclude Buschini – si proietteranno anche nei mesi di novembre e dicembre. Non c’e’ dubbio che l’annuncio di oggi di FCA sia una notizia molto positiva”.

“E’ molto positivo che lo stabilimento FCA di Piedimonte San Germano diventi ancor più centrale e innovativo nella produzione di auto come confermato oggi dal gruppo”. Lo ha detto il vice presidente della Regione Lazio, Daniele Leodori, a margine della seduta del Consiglio regionale rispondendo a chi gli chiedeva dell’annuncio di FCA sulle nuove produzioni Maserati a Cassino.

“Investire 800 milioni di euro sul polo di Piedimonte significa metterlo al centro della produzione innovativa italiana ed europea. La Regione segue con grande attenzione le vicende dell’indotto che sta soffrendo così come la cassa integrazione che stanno subendo i dipendenti dello stabilimento ai quali vanno fornite garanzie per i prossimi mesi. Siamo con tutte le antenne alzate e sappiamo che l’area – afferma il Vice presidente della Regione Lazio, Daniele Leodori – sta vivendo un momento di difficoltà, che le istituzioni stanno affrontando con serietà”.

“Tuttavia – afferma Fabio Bernardini della Cisl – il vero problema, come ho più volte affermato, in ultimo nell’incontro presso la presidenza del consiglio e presso l’assessorato della regione Lazio a luglio, sarà l’indotto. O si riqualifica e diversifica la produzione o rischiamo di perderne circa il 40% entro il 2021. E questa volta si lascerà dietro anche molte macerie”.

É necessario un piano straordinario e strategico, coordinato e condiviso, evitando proclami e realizzando azioni concrete messe in campo con Competenza e non approssimazione, altrimenti sarà l’ennesima occasione persa.

 

Cinzia Cerroni